Saggezza Universale: Chiamiamolo pure DIO

Saggezza Universale: continuiamo pure a chiamarlo DIO

Saggezza Universale

La saggezza Universale si basa sulla consapevolezza dell’Unione con Dio (ochiperlui)

L’argomento che voglio trattare oggi è qualcosa di cui molti parlano, molti scrivono, io inclusa, e che tutti noi fatichiamo a comprendere, ma che penso sia molto più importante sperimentare e praticare che definire o discuterne.

Sto parando dell’Unione con Dio, o con l’Universo, o con l’ Intelligenza, o Allah, o Tao,  Yhaweh… insomma quella coscienza dell’unità che è l’Amore. Continuiamo pure a chiamarlo DIO

Saggezza Universale

In sostanza dargli una definizione è arduo e limitativo, come cercare di comprenderlo razionalmente! Sappiamo che la nostra mente è in grado di comprendere solo ciò di cui ha fatto esperienza, diretta o indiretta. Perciò come non può davvero comprendere e razionalizzare il concetto di “infinito” o di “nulla“, così non può comprendere o razionalizzare il concetto “Tutto è Uno”!

In moltissime dottrine infatti si parla e si scrive di “Colui che non può essere nominato”. Tanto che in certe culture non può nemmeno essere rappresentato, non perchè questo sia vietato o sacrilego, ma perchè è un concetto talmente fuori dalla nostra portata che sfugge a qualsiasi definizione.

La Saggezza Universale riconosce la connessione

E’ davvero quasi inaccettabile che nel III millennio i più dannosi “scontri socio-culturali” siano ancora di tipo religioso.

La “religione” dovrebbe aiutare la gente a riconoscere la connessione  con se stessa. Purtroppo anche questo obiettivo pare si sia perso di vista e viviamo in un momento storico in cui la “religione” è il maggior motivo di scontro e di guerra vera e propria tra i popoli, invece di essere la via del’Amore e dellla condivisione che dovrebbe essere.

Una nuova spiritualità

Questo forse è il segnale chiaro che è arrivato l’improcrastinabile momento di   intraprendere la strada di una nuova spiritualità. Una spiritualità più fluida, più libera, senza dogmi o regole o divinità che si collocano fuori di me. Invece con maggiore attenzione al DIVINO che c’è in noi. Attenzione che otterrebbe lo scopo immediatamente di rendere la nostra spiritualità più pratica, perchè come dichiara Anthony De Mello,  “nulla è più pratico della spiritualità“.

Quello che voglio sottolineare con questo articolo è semplicemente che forse è più efficace smettere di cercare un nome o una definizione per questo concetto, proprio nell’ottica di definire qualcosa che si colloca fuori di noi, ma di iniziare a metterci davvero in discussione in prima persona!

Onnipresenza

Tutte le dottrine e le filosofie umane sanno che l’assoluto, l’indefinibile, (Dio) è in noi ed è noi! Il cristianesimo stesso sa che “Dio è onnipresente“,  salvo poi un pelino incoerentemente dichiarare che è fuori di noi. Invece se Dio è onnipresente significa logicamente che ogni mia più piccola cellula è Dio, è parte di Dio… Altrimenti se esiste un qualsiasi luogo in cui Dio non è, significa inequivocabilmente che Dio non è onnipresente!

Ecco quindi  che comprendiamo quanto importante sia smettere di dire “al nostero Dio”  quanto sono gravi i nostri problemi, e iniziare a DIMOSTRARE ai nostri problemi quanto è grande il nostro Dio“.

La cosa interessante di questo concetto, non è solo lo stimolo all’AZIONE Ma anche il concetto di “MIO Dio”! Sì perchè il riconoscere la presenza del divino in ognuno di noi ci consente  di accettare senza riserve qualunque diversità di credo. Perchè  Dio “è nostro”, e quindi il rapporto con Lui è diretto e sotto la nostra responsabilità e non quella di qualcun altro!

Il rapporto tra me e ME

Continuiamo pure a chiamarlo DIO! Io lo chiamo “Amore”… Mi risuona,  mi convince e perciò è vero per me (l’efficacia è la misura della verità). Perciò ognuno è completamente libero di chiamarlo come crede e di riconoscerlo in ciò che è vero ed efficace per lui.

Rispetto ognuno e ogni filosofia  perchè siamo tutti figli dell’Amore. E se qualcuno volesse convincermi che si chiama “GRZBUWUX”, lo rispetterei. Perchè so che non ha davvero un peso importante definire quale sia il “nome” con cui lo vogliamo definire. Tuttavia quello che è fondamentale secondo me è la comprensione del  mio rapporto tra me e lui o meglio del mio rapporto tra me e ME!

La cosa fondamentale è SAPERE che c’è qualcosa di più grande di me di cui Io Sono parte e che è in me ed è ME! E sapere che è così è ciò che ci permette di  connetterci a questa “origine” (Kumukhai), di farne esperienza e di ESSERE Essendoci!

La saggezza universale è nella presenza dell’assoluto

Perciò chiamiamolo pure come vogliamo, ma fidiamoci della sua presenza  e soprattutto della sua presenza in noi e impariamo  metterci in connessione con Lui,  semplicemene connettendoci a noi stessi, ricercando e comprendendo in Noi la nostra Reale Identità, riconoscendo di essere noi stessi AMORE!

Non ha dunque nessuna importanza come lo chiamiamo, l’importante è che ci siamo e che sentiamo la Sua presenza e il nostro Essere in Lui e Lui! Tutto é Uno, l’Uno è Amore perciò Tutto è Amore che evolve in direzione di se stesso!

SalvaSalvaSalvaSalvaSalva

Post Correlati

% Commenti (20)

Direi che “Dio” è dentro e fuori di noi. E’ dentro di noi come Spirito-Consapevolezza (Realtà) è fuori di noi come energia- Universo. ( Non realtà, quindi illusione). Sono le due facce della stessa medaglia. Illusoriamente crediamo che il mondo (compreso il nostro corpo) e l’Universo siano reali. Essi sono solo la proiezione della nostra mente anch’essa illusoria, ma che ci serve per scoprire che non siamo il corpo, la mente stessa, le emozioni. E’ tutto il gioco dell’Uno che per conoscersi ha diviso Sé stesso in miriadi di forme per conoscere Sé stesso. E, dato che l’Uno è solo Amore, ognuno di noi è Amore e ritornerà all’Uno (che siamo già, ma non sperimentiamo ancora, ma molti possono percepire), attraverso l’Amore. “Dio” è uno dei tanti nomi che la mente dell’uomo dà a questa Consapevolezza-Amore onnipervadente, onnipresente, onniscente, perché la mente non può immaginarsi qualcosa che non abbia un nome o una forma. Ma il Tutto -Uno non ha nomi, né forme per cui l’uomo lo può identificare con qualunque forma o nome a lui cari, sapendo che essi, siano Buddha, Gesù, Zoroastro e tanti altri che hanno raggiunto lo stato supremo dell’unione, sono dentro di lui, perché lui, l’uomo è già il Tutto e dentro di lui c’è già tutto. Le vie che portano a questa comprensione e poi sperimentazione, sono molte, basta che ognuno senta dentro se stesso che la via intrapresa sia un solco profondo dal quale non deviare, che si identifica con l’Amore, la Compassione, l’Empatia, la Felicità, l’Umiltà, la Pace, la Condivisione, il non Giudizio, tutte qualità che espandono il cuore, la consapevolezza fino alla suprema Unione.
Grazie infinite Giò. Namasté (saluto il Divino che è in te)

E, dato che l’Uno è solo Amore, ognuno di noi è Amore e ritornerà all’Uno (che siamo già!!!!

Grazie Grazie Grazie Grazie Grazie

Giovanna dire che sono parole VERE e GIUSTE è poco. Mail potere temporale sia laico (Hitler, Stalin , Mao Tse Tung etc.) e quello religioso, con le varie chiese, come potrebbero avere in pugno le genti se non con minacce di vario genere? Il potere laico con la repressione di ogni libertà, il potere religioso-nella migliore delle ipotesi- minacciando fuoco eterno per chi commette peccato in contrasto con le”sacre” scritture, per non passare poi alle vie di fatto torturando ed uccidendo gli “eretici”.
E, a proposito, non uccisero subito Giordano Bruno perchè sarebbe stato politicamente troppo scomodo ed inopportuno per la chiesa, essendo un personaggio noto in tutta Europa, la quale, invece, manifestò la propria ipocrita “benevolenza” cercando di convincerlo a ritrattare le sue teorie , cosa che lui non fece perchè era uno spirito libero, per poi, la chiesa stessa, sentirsi con la coscienza “in ordine”con la volontà di DIO-sic!- per bruciarlo vestito dei suoi “eretici peccati”. Ignominia vergognosa,in tutti i sensi!

Vittorio tutto giusto e indiscutibile da un punto di vista oggettivo… ma se ampliamo la prospettiva la visione è quella di questo post: E’l’incapacità di sentirsi liberi che ci rende schiavi

Siamo qui per combattere la ‘paura’. La paura in ogni dove. La paura di vivere….
Avere un DIo con cui prendersela è comodo e allenta la paura.
Ma stiamo capendo solo ora che cosa significa

E’ vero Elisabetta Grazie

I tuoi articoli sono “autentiche poesie d’Amore”. Grazie

Grazie! Che cosa stupenda mi hai detto!

Sono in un posto immerso nella natura io sono natura mai come in questo momento capisco tutto è uno grazie

E così E’!

Sekondo il mio punto di vista e rispettare, amarsi volersi reciprocamente bene
Qwesto e qwello che mi hanno jnsegnato kome ha voluto il nostro
DIO

Le tue parole sono una boccata di aria fresca mi risuonano con tale leggerezza e naturalezza e ne avevo così bisogno proprio oggi che una persona mi ha detto “ sono cattolico quindi non posso praticare Yoga “
Sono riuscita a limitarmi a sorridergli e a dirgli che era una scelta e che la rispettavo ma immergermi in quello che hai scritto mi ha aiutato a lasciare andare la sensazione di disagio che mi era rimasta incollata addosso dopo quello scambio!
Grazie per tutto quello che fai e che sei
Namaste

Ernesztina Rudnyák

Sono completamente d’accordo con Elisabetta, di l’ostessa cosa che ha detto Gian Piero Abbate.La Cabala riconosce 72 nomi ,che é siamo sempre noi ,il nostri comportamenti, la nostra entitá. Namasté!❤

SI! PAROLE ILLUMINATE!….GRAZIE!:)

Sono cresciuta in una famiglia cattolica e, per anni, ho frequentato chiesa, catechismo e quant’altro, fino al momento in cui non ce l’ho più fatta… Non mi sono mai sentita in risonanza con alcuna religione, né con il Dio che ci viene proposto dai dogmi conosciuti. Dopo anni, quindi, di totale ateismo, mi sono fatta alcune domande. Sono sorte spontaneamente in me, perché non ho mai smesso ci cercare, di capire, e di trovare un senso a questa vita. E mi sono accorta che, la stessa Vita (scritto maiuscolo stavolta…) che è in me, che mi anima e mi sospinge, è in ogni altra cosa che esiste: dal più piccolo dei sassolini, fino alle catene montuose più imponenti; dal più fragile filo d’erba, fino alle foreste più impenetrabili; dal più minuscolo moscerino, ai pachidermi di mare e di terra…. Quell’Essenza che permea ogni cosa che esiste, Tutto; intelligente, equilibrata, potente, che costantemente si rinnova, si espande e, attraverso me, acquisisce consapevolezza di Sé…. Questo è l’unico Dio che riesco a riconoscere come tale, ed è dovunque, non ha bisogno di intermediari, di dogmi, di edifici a lui dedicati…. Se devo pregare Dio, prego Me. Se non trovo risposta (sono un pò duretta di comprendonio) mi rivolgo ad una pianta, alla Terra, al Vento, all’Universo…. E le risposte arrivano. Le cose accadono. E, ogni giorno di più, riscopro il mio potere…. io che creo la realtà per come sono…. Grazie Giovanna, davvero grazie. Vorrei trovale le parole per dirti quanto, l’averti incontrata, mi ha cambiato la vita…. come se tutto ciò che è stato, fino ad ora, fosse in funzione di questo percorso che ci offri, mi offri. Grazie…

Salve Giovanna, le tue mail puntualmente arrivano ogni giorno, quando servono, al momento giusto, incredibile. Grazie di essere amore e di esserci.
un abbraccio grande!!

L’argomento è indiscutibilmente complesso, non riesco a pensare ad un Dio “cattivo”. Ho ritrovato un po’ di spiritualità da qualche anno, ho avuto una vita difficile e “incasinata” (e lo è tuttora), quasi senza pace. Non mi rivolgo a Lui nelle mie preghiere, lo sento…..troppo in alto, così ho i miei Santi preferiti ai quali chiedere aiuto. Ho ancora moltissima strada da fare e sono stanchissima, ma non intendo fermarmi. Auguro a tutti voi gioia e serenità.
Paola

c’é una sola cosa che non condivido: NON siamo tutti figli dell’amore

L’efficacia è la misura della verità!

Ciao Giò, sono stata cresciuta atea e materialista. Poi ho sentito di dover seguire un altro percorso per continuare a vivere. Il nome Dio mi è ancora ostico, ma chiamarlo Amore e sapere che la scintilla divina è in ognuno di noi è meraviglioso e rende Tutto meraviglioso. A ben guardare tutto è Amore se è questo che proiettiamo e tutto è buono per la nostra evoluzione
❤❤❤

Leave a comment