LA PERFEZIONE DEL TUTTO

     Il processo pratico per riconoscere la bellezza nella quotidianità

La perfezione del tutto
  •  Ti chiedi mai se la “Pace nel mondo” è un pensiero utopistico o è qualcosa di realizzabile? E soprattutto ti chiedi mai che ruolo puoi avere Tu (Io/Noi) nella realizzazione di questa “utopia”?
  • Hai voglia di comprendere (capire + sentire) come essendo chi Sei  puoi contribuire al benessere dell’Umanità, s e m p l i c e m e n t e    realizzando consapevolmente il tuo benessere?
  • Hai mai avuto il desiderio di vedere davvero tutta la bellezza che contiene questo nostro mondo e soprattutto di riconoscerla riflessa nella tua quotidianità?

Se io sono Amorevolmente realizzato del mio stato di beatitudine  non potrà che beneficiarne l’intera Umanità…

Questo è un libro che lavora. A te solo il compito di leggerlo.

Questo è un libro che solo leggendolo ti trasferirà la competenza per seguire la brezza di semplicità  che vuole condurci alla meta, senza perdere di vista il qui e ora della nostra quotidianità, da cui parte l’espressione tangibile della bellezza, ossia della perfezione.

Tutto è Uno, l’Uno è Amore, perciò tutto è Amore e il riflesso dell’Amore è tutto ciò che genera gioia e felicità (bellezza, positività ecc.).  Se tutto è Amore, tutto ha la potenzialità di generare queste emozioni e di renderci felici. Tutto… niente escluso! E’ arrivato il momento di saperlo praticamente.

Se vuoi essere felice comincia a essere felice, perché sai che anche se non li vedi, hai tutti i motivi per esserlo. Sii felice per tutta la bellezza che ti circonda anche se non la vedi, perché anche quando non riesci a convincerti che ci sia, sai che c’è. Sappi che c’è e vivi la tua vita con questa profonda consapevolezza. Questa è la formula infallibile! E questo libro te la trasferisce, solo leggendolo.


"

Questa è stata proprio una bella avventura vissuta con il mio fratellino Vivek Riccardo Sardonè.

Un libro che è nato da solo! Abbiamo deciso di scriverlo e poi abbiamo lasciato che arrivasse, senza forzature, senza imposizioni. Quando era il momento … era pronto! Certo c’è voluto parecchio tempo, ma è stato un ottimo investimento. Sono molto molto felice di cosa ne è uscito.

Due energie così diverse, ma animate dagli stessi principi, dalla stessa consapevolezza, da una stima e un affetto profondi, come dice lui, probabilmente alimentati in altre vite, perchè in questa non abbiamo avuto il tempo di costruire quello che invece stiamo sperimentando! Che fantastica storia è la Vita!


Giovanna Garbuio

La recensione di

Panny

“Una lettura per la mente che parte dal cuore!”

La perfezione del tutto non è il manuale aulico e generico, non è il concentrato di teoria senza pratica, come spesso si rivelano i libri di genere, ma una piccola-grande guida spirituale in formato tascabile.

Un volume scritto con il cuore, che va a colpire le giuste corde e dimostra come due autori con percorsi diversi possano dare vita a uno strumento ricco di spunti, denso di significato, con vari esempi per la crescita personale e molte tematiche che si intrecciano alla perfeziona una con l’altra per creare un vero e proprio tutto armonico.

Non si tratta del classico libro di meditazione/salute o auto aiuto, ma di un testo veramente ben fatto con moltissimi spunti di riflessione e altrettante risposte reali, non si punta sull’astratto o sugli intenti ma su una sinergia tangibile che può fare la differenza.

Il testo è sviluppato in maniera molto completa, un vero e proprio percorso guidato di crescita adatto ai neofiti o a chi è ai primi passi nel cammino di crescita, forse un po’ semplice ma interessante anche per chi è a livello avanzato.

Un viaggio per ritrovare armonia nella quotidianità, il solo leggerlo porta alla mente messaggi funzionali e funzionanti che fanno realmente la differenza. Potrebbe sembrare azzardato dire che questo volume lavora a livello inconscio ma è quello che realmente succede, con i giusti input e il giusto alternarsi di spiegazioni ci si ritrova a leggere un percorso sviluppato alla perfezione che va a dissipare dubbi e paure, blocchi e insicurezza dando nuova luce al quotidiano.

Questo libro e Gli specchi degli esseni lavorano in sinergia, possono essere letti autonomamente ma in coppia danno il loro massimo, agendo sia a livello pratico che spirituale con profondità e grande intelligenza pur mantenendo un linguaggio semplice e fruibile da tutti.

Una lettura per la mente che parte dal cuore, scritta con grande passione che può fare la differenza e ispirare il cambiamento verso un pensiero positivo e consapevole, un vero e proprio concentrato di conoscenza pratica!

GIUDIZIO COMPLESSIVO: = CAPOLAVORO

Tratto da: storiedinottisenzaluna.blogspot.com

Questo libro contiene tutte le indicazioni per acquisire e mettere in partica questa consapevolezza, che da sola può risolvere ogni cosa… semplicemente perché l’Amore vince sempre! Ma soprattutto questo libro lavorerà perché tu integri in te stesso questa saggezza. Sarà il libro a fare il lavoro, a te basterà leggerlo (e magari rileggerlo e rileggerlo). 

La semplice azione di leggerlo mette in atto il processo di trasmutazione. Questa è una conoscenza che ci rende liberi che “come per magia” ci restituisce il controllo su ciò che ci appare sfavorevole, trasformandolo nella bellezza che contiene. I profondi spunti di riflessione che il libro propone, lavoreranno a livello subconscio e sottile per compiere in noi il cambiamento auspicato, scardinando le credenze limitanti che ci impediscono di sperimentare tutta la bellezza che la nostra vita contiene e di cui non ci accorgiamo (e non accorgendocene… soffriamo).

Un viaggio nel profondo della nostra anima che ci permette di trasformare la nostra quotidianità nel paradiso che è il nostro habitat naturale. Lascia che questo libro faccia il suo potente lavoro in te!

Riccardo Sardonè

"

Sono un uomo dal grazie facile lo so, ma quando un grazie lo senti così presente in te, quando ti senti quei grazie che non possono essere espressi con le parole, allora capisci che non puoi tenerli per te ma devi consegnarli al destinatario: grazie grazie grazie Giovanna Garbuio, perché sono passati già più di tre anni e non hai mai smesso di sostenermi. Quando come un turista Coreano appena atterrato in Italia mi aggiravo in questo mondo di relatori e scrittori credendo che tutti loro fossero pronti ad aiutare il prossimo, visto che sventolavo la bandiera dell’ amore, trovai solo te a braccia aperte. Ho imparato a discernere grazie a te tra chi ti sorride perché vuole e chi realmente è puro e vuole aiutare il mondo, tra chi vede questo come un lavoro e chi lo vede come una missione. La sviolinata l’ho fatta, tra poco uscirà il nostro primo libro scritto insieme ‘ La perfezione del tutto ‘ e anche questo è un ennesimo regalo da parte tua. Devo essere stato molto buono con te amica mia nella mia vita passata per meritare tutto questo o forse semplicemente quando si è veramente nel cammino del risveglio tutto questo avviene in modo naturale, non si fanno calcoli e non si applica la legge del baratto. Non mi piace vantarmi, ma mi piace vantarmi di avere amici speciali come te, questo me lo consento.


Vivek Riccardo Sardonè

Tutto il Mondo trae beneficio dal mio stare bene, ma più che mai ne godono le persone, le situazioni, le entità a cui io sono più “vicino”.

Ecco quindi che per aiutare qualunque persona che Amo a stare bene la cosa più efficace e potente che posso fare, è stare bene!

Ho’oponopono letterlamente significa: “Percependo la perfezione miglioro la realtà“.  E’ come dire che se mi accorgo della luce ho illuminato l’oscurità!

E’ impossibile accorgerci della bellezza (perfezione) della realtà se la guardiamo con uno sguardo offuscato dalla convizione dell’errore! Liberiamo la nostra Luce, lasciamo risplendere tutto l’Amore che Siamo, solo questo Amore, solo la consapevolezza di questo Amore può illuminare le strade del mondo per tutti! Cerchiamo la bellezza presente in ogni cosa e la perfezione diventerà evidente! Riconosciamo la nostra Luce, riconosciamo la perfezione in noi e la perfezione in ogni cosa ci apparirà ovvia ed evidente!

Paramahansa Yogananda

Dio è una sfera infinita, il cui centro è ovunque e la circonferenza in nessun luogo

Se Tutto è Uno e l’Uno è Amore che evolve in direzione di sé stesso non può esserci qualcosa che non è Amore e quindi in quest’ universo non c’è spazio per quello che noi umani chiamiamo “errore”.

L’Amore è Amore e la sua emanazione non può che essere Amore in evoluzione e quindi perfezione.

Ecco che se l’errore non esiste non può nemmeno esistere qualcuno che l’ha commesso… nessuno può aver sbagliato in un Universo d’Amore. Se non esiste l’errore non esiste nemmeno il male e di conseguenza non esistono nemmeno “colpa” e “colpevoli”. E’ ovvio no?

Un semplice ragionamento logico che deriva dalla consapevolezza che Tutto è Uno e che l’Uno è Amore.

Quindi il così familiare e diffuso concetto di colpa, in realtà è una creazione della nostra percezione e non si riferisce a nulla di vero. E’ invece reale e corrispondente a questo principio il concetto di Responsabilità, ma si tratta di concetti molto molto diversi.

Io sono responsabile di tutto ciò che accade e si manifesta nella mia realtà, sempre, senza nessuna eccezione, ma non sono colpevole mai, perché in ogni caso, qualunque cosa si verifichi, se è originata dall’Amore, non può che essere “buona e giusta”. Ne deriva ovviamente che non sono colpevole mai e sono invece meritevole sempre.

Questo non significa però che posso fare quello che voglio in barba alle conseguenze, perché anche se non colpevole rimango il responsabile e “pagherò” le conseguenze di ogni azione e di ogni intenzione.

Responsabilità dunque sì, completa e totale, e quindi anche consapevolezza che ogni mia azione porta con sé delle conseguenze che io sperimenterò in base al mio agire, ma colpa no, nel modo più assoluto!

Soltanto chi accetta pienamente tutte le proprie responsabilità ha a disposizione la libertà del cambiamento. Se diventiamo consapevoli della perfezione dell’Universo, cancelleremo automaticamente l’associazione tra colpa e responsabilità e vedremo come anche i “crimini più efferati” siano azioni perfette all’interno di un universo perfetto .

Se si sono avverati significa che era la cosa migliore per l’evoluzione di tutti e quindi del Tutto. L’Universo non sbaglia e perciò, dato che Tutto è Uno, nemmeno permette di sbagliare. L’errore non fa parte dell’Amore. L’Universo è Amore e l’Amore non corrisponde alla vibrazione dell’errore (che peraltro è una vibrazione puramente percettiva).

La perfezione del disegno globale

I cambiamenti quelli importanti non sono quasi mai indolori, ma la cosa importante è vedere la perfezione del disegno globale (o anche semplicemente sapere che c’è), che anche se fa male (a volte tanto male) non può che portare ottimi frutti!

Alcune relazioni si trasformano e si concludono, altre si trasformano e crescono, alcune si trasformano e fanno stare male, perciò ci è richiesto di intervenire. Facciamolo con la consapevolezza del nostro percorso di crescita di cui fanno parte integrante anche queste esperienze. La cosa fondamentale è mantenere la nostra integrità a costo di qualunque sofferenza contingente. Potersi guardare allo specchio con gioia e soddisfazione è quello a cui non dobbiamo sacrificare nulla, il resto fa parte della vita, fa parte del nostro percorso, fa parte del nostro crescere!

Il fatto che tutto sia perfetto non significa che noi non dobbiamo agire per l’evolvere del Tutto ed adagiarci. Non stiamo dicendo  di non agire per "raddrizzare i torti" anzi tutt'altro! I "torti" pur essendo "perfetti" ... vanno raddrizzati attraverso la nostra azione consapevole e anche determinata.

Ho'oponopono è azione ispirata non certo disinteresse o apatia... tutto sta nella presenza con cui si interviene e la consapevolezza con cui si affronta ogni cosa riconoscendone la perfezione, che non vuol dire che altrettanto perfetto non sia modificarla! 

Non è che dato tutto è perfetto se vedo che stanno svaligiando casa del vicino li lascio fare perché tanto è perfetto! È perfetta la mia telefonata ai carabinieri, l'arresto del ladro che magari lo condurrà ad incontrare qualcuno in un centro di recupero che lo indirizzerà ad una vita migliore oche lo lascerà “marcire” in prigione (ovviamente è un esempio scemo)! Nessuno dei concetti dell'ho'oponopono sostiene che bisogna infischiarsene di guerre ed ingiustizie! 

Quando si parla di perfezione non si intende giustificare ne tanto meno avallare comportamenti violenti o ingiustizie di alcuna sorta.

Ho'oponopono nel particolare non è inerzia! Lo stesso Ho'oponopono è azione ispirata, che per quanto ispirata è comunque azione! Il fatto che la realtà sia parte della perfezione dell'Uno e quindi perfetta come si presenta, a prescindere dal fatto che ci piaccia o no... non significa che sulla realtà non si deva intervenire, anche per cambiarla, in quanto il cambiamento stesso è e fa parte della perfezione di cui Ho'oponopono è lo strumento di percezione

Ogni cosa avviene perché sul piano vibrazionale energetico si sono create le condizioni che la rendono materializzabile.

Ogni cosa è in risonanza con il terreno su cui si posa. In questo sta la perfezione. Questa consapevolezza ci porta a pulire quel terreno che noi abbiamo contribuito a creare anche con le nostre memorie e da questa pulizia potrà nascere un'azione ispirata che raddrizzerà anche le cosiddette ingiustizie proprio perché avremo cambiato il terreno che le ha manifestate.

La perfezione della coscienza

La Coscienza fa esperienza di sé moltiplicandosi in tutte le forme possibili e questo dà origine a tutta la meravigliosa bellezza che percepiamo nel mondo!

Stephen Littleword


Ci illudono che esista una perfezione intrinseca nelle cose, che esista un corpo perfetto, un amore perfetto, un compagno perfetto, un figlio perfetto, un sorriso perfetto, una gioia perfetta.Distogliendoci così dal vedere che cio’ che c’è di più perfetto al mondo sono le nostre diversità, i nostri gusti, il desiderio di migliorare, l’imperfezione. Sì, la perfezione reale è il nostro essere imperfetti e per questo assolutamente meravigliosi. Esseri da scoprire, eventi da creare, attimi da vivere

Acccettare non è per niente un sinonimo di "accontentarsi"! Accettarsi è l'unica possibilità che abbiamo per trasformarci. Accettarsi non vuol dire restare così come siamo. Significa Amare ciò che siamo qui ed ora con la consapevolezza delle potenzialità evolutive che abbiamo... e il passo successivo è quello di manifestarle queste potenzialità. Comunque io sia mi rispetto, mi Amo anche se mi procura disagio... perchè so di poter evolvere nella direzione che mi procurerà gioia e soddisfazione. Mi accetto e mi amo proprio perchè so che comunque io posso essere molto di più e molto meglio anche se so che come sono ora è il meglio... per ora!

Bob Marley

Si sbaglia sempre. Si sbaglia per rabbia, per amore, per gelosia. Si sbaglia per imparare. Imparare a non ripetere mai certi sbagli. Si sbaglia per poter chiedere scusa, per poter ammettere di aver sbagliato. Si sbaglia per crescere e per maturare. Si sbaglia perché (non) si è perfetti.

I ka pono mea (tutto è perfezione)

La convinzione "nessuno è perfetto" appartiene al vecchio paradigma e fin ora ha giustificato che la vita evolva secondo un (dis) ordine casuale. Ci è sempre stato trasmesso e insegnato che alla base di tutto c'è un caso o a volte un destino che ci permette di dare un senso alle situazioni più brutte che siamo cotretti avedere e questo senso deriva dal fatto che la maggior parte delle cose, delle situazioni un senso non ce l'hanno perchè accadono casualmente. 

Il nuovo paradigma (non sono i fatti esteriori che determinano gli stati interiori, ma viceversa sono gli stati interiori che provocano i fatti esteriori) ci offre una visione delle cose  completamente ribaltata: l'imperfezione è riconoscibile solo per gli occhi che ancora non sanno vedere l'intrinseca perfezione delle cose!

Tutto possiede una sua intima e spesso incredibile (quando non adirittura inaccettabileagli occhi di cui sopra) perfezione che si rende riconoscibile nella nostra dimensione con il passare del tempo.

Tutto ha senso, funzione, logica, qualcosa da insegnarci! 

E' compito nostro imparare a vedere ciò che guardiamo e riconoscerne quella perfezione non immediatamnte visibile soprattutto nelle cose che "non ci piacciono".

Possiamo definire il termine ‘problema’ con “percezione limitata della realtà”.

Noi viviamo determinati eventi come problematici, perché nella nostra limitatezza non ne percepiamo la perfezione della loro totalità. Tutto è già perfetto così com’è, se noi fossimo in grado di percepirlo come tale, la parola ‘problema’ e i suoi sinonimi, svanirebbero dai vocabolari di tutte le lingue del mondo.

Il Buio è solo la Luce che non si è ancora resa manifesta ai miei occhi!

Ho'oponopono nel particolare è questo che fa: ci permettere di riconoscere la perfezione della nostra realtà, percependola goderne e godendone emanare un enrgia meravigliosa che manifesterà nella nostra vita situazioni, fatti, persone allineati alla nostra meravigliosa nuova consapevolezza.

Riccardo Sardonè

"

Ero seduto davanti al Bar di Ananda Assisi, mentre scrivevo il capitolo dedicato alla trasmutazione di mia Mamma avvenuta qualche anno prima all' improvviso, le lacrime quando raggiungevano le mie labbra sembravano fermarsi e sparire chissà dove, il viso non mostrava particolari increspature di sofferenza, semplicemente il cuore come una spugna sembrava strizzarsi nel pensare che la mia dolce Mamma avesse vissuto tutto quello che stavo scrivendo, parlo di grandi emozioni non di sofferenze. I gatti di Ananda, tanto ciccioni quasi da rotolare, si continuavano ad avvicinare, strusciandosi cercavano di darmi la forza di completare il capitolo. Di tanto in tanto passava qualcuno e io osservavo pensando a come un anima riuscisse a soffiare e a mantenere in essi la vita. Continuavo a ripetermi il titolo del capitolo : ' Dove sei andata a finire mamma ? '. Giovanna Garbuio e io dal primo giorno che abbiamo iniziato a scrivere questo libro ci siamo accorti che è un libro che si è scritto da solo, ha scelto semplicemente noi come penne, ha deciso da se i nomi dei capitoli e forse anche tutte le parole.Da pag 35 inizia quel capitolo che ho appena descritto, troverete me e le mie vibrazioni, le ha catturate e non so come ma per me è un portale che mi rispedisce su quel tavolino il mezzo alla natura.


Vivek Riccardo Sardonè

Non esiste un "metodo"! Il "metodo" sei tu! E' tutta questione di atteggiamento. Imparare a riconoscere la perfezione e vivere in armonia e in allineamento con la perfezione che è la Via. Riconoscere la perfezione, divenire consapevoli della perfezione, questo è il metodo, questa è la chiave, questo è il percorso da seguire. Non c'è altro. E' davvero tutto qui. Poi che siamo anche tutti Maestri nell'ostacolare questa visione è anche vero! Ma nonostante continuiamo a ripeterci di no, la vista della perfezione è lo stato naturale dell'essere. Certo ci abbiamo scritto sopra un libro, perchè pur essendo tutto qui... comprenderlo è davvero risolutivo!

Paramahansa Yogananda

Il riflesso della Luna non si può scorgere nitidamente in uno specchio d’acqua increspato; ma quando la superficie è calma, l’immagine della Luna si riflette alla perfezione.Allo stesso modo, in una mente tranquilla si rispecchia chiaramente il volto lunare dell’anima.La nostra anima è un riflesso di Dio.Quando, mediante le tecniche di meditazione, allontaniamo i pensieri irrequieti dal lago della mente, vediamo la nostra anima, il riflesso perfetto dello Spirito, e comprendiamo che l’anima e Dio sono una cosa sola.

Questa consapevolezza può condurci a:

  • Vivere con gioia momento per momento, lliberi dalle preoccupazioni per il futuro e dalle recriminazioni e rimpianti del passato.
  • Essere pienamente consapevoli di noi stessi e della struttura (quasi sempre incomprensibile) che regola il  nostro soggiorno su questo pianeta.
  • Scegliere responsabilmente con cognizione di causa (e di effetto) in ogni ambito della nostra vita.
  • Godere  della perfezione che ci circonda e in cui siamo immersi.

Indice

  • Premessa
  • Cosa significa “Tutto è Uno”?
  • Ellam Onru, Tutto è Uno
  • Il sogno di Kanaloa
  • Mamma dove sei finita?
  • Kumukahi — Unica Fonte
  • Non ci sei che tu
  • Chi sono io?
  • Mi piaccio cosi come Sono
  • La perfezione dell’Amore
  • Scegli chi frequentare
  • Spiritualità e materialità
  • Maui e la balena impazzita
  • La Terra
  • Il meccanismo in cui siamo immersi
  • Siamo sempre amati
  • Responsabilità
  • Una Verità universale
  • Karma, questo sconosciuto
  • Il vuoto
  • Il “problema” è tutto percettivo
  • La creazione
  • Il bello nel brutto
  • La perfezione del Tutto
  • Risveglio
  • La perfezione del Tutto anche nel passato
  • La “Religione” universale
  • L’Amore è la percezione dell’Unità
  • Vivere e sopravvivere
  • Il nome di Dio
  • Conclusione
  • Una scuola chiamata “Vita” — Regolamento
  • Bibliografìa e sitografìa
  • Note sugli autori

Cosa dice chi l'ha letto

Maria Cristina Filippi

Ho letto questo libro più volte, ora l'ho acquistato per regalarlo ad una cara amica e condividere con lei la ricchezza che mi ha donato.

Margherita

Un libro attivo nel vero senso della parola.......trasformante in termini di sensibilità, ricettività e percezione della perfezione........da leggere come una meditazione!!

Barbara Cremonini

Avete scritto un libro di una potenza indescrivibile. Sono a metà del testo e non trovo le parole per descrivere come mi sento. Una sorta di "nessuno che domanda nessuno che risponde". Grazie grazie grazie

Silvia Corti

Sto finendo il libro La Perfezione del Tutto , bellissimo e utile , follemente pratico
Grazie!

Vanda

Questo Libro ha realmente una trasmutazione del subconscio.Semplicemente in quattro giorni ho raggiunto la Pace e Armonia che ogni singolo essere umano dovrebbe raggiungere, per vedere realizzata la "Perfezione del Tutto", ossia un mondo di Pace e Armonia. Non è un semplice libro, ma un'Opera Perfetta, che emana una Potentissima Energia, chiamata Amore, fluendo dentro noi dissolvendo i nostri blocchi energetici, karmici e le nostre paure, che sfocia in una sorta di Beatitudine, difficile da spiegare ma che auguro ad ogni essere umano.Perché se il Viaggio inizia con l'ultima pagina di questo libro, auguro a tutto il Mondo di leggerlo e di raggiungere la Pace e Armonia, che è poi la realizzazione dell'Uno, dell'Amore, del Tutto e quindi la diretta conseguenza di questo libro intitolato "La Perfezione del Tutto"Gli autori meritano solo un successo formidabile, perché solo leggendolo la vostra Anima ve né sarà grata.

Monica

La lettura di questo libro ti riporta a quello che sei veramente. Ti riporta a Casa. Mentre scorrono le parole senti dentro quell'emozione della Verità che pian pianino ti porta a una comprensione sempre più profonda sul magnifico viaggio che è la Vita! Consigliatissimo 

Monica Generali

Stupendo, ottimi spunti di riflessione alla consapevolezza, molto scritto molto bene, il risveglio il punto forte dell opera. Lo consiglio vivamente

Marco

Bel libro, da non leggere prima di addormentarsi perché richiede un buon livello di attenzione. I temi trattati sono esposti chiaramente ma offrono comunque spunti per riflessioni molto profonde. Lo consiglio a tutti anche a chi ritiene di stare già bene

Alfonso

Potrei definire questo libro come “un’esperienza di consapevolezza”, perché porta il lettore a prendere coscienza della bellezza che ci circonda e che spesso trascuriamo di notare. Se si va alla ricerca di qualcosa che manca nella nostra vita e ci si sofferma sul fatto che siamo infelici perché non abbiamo tanti beni materiali che vorremmo, allora il nostro focus sarà rivolto soltanto verso la ‘mancanza’, ossia verso la privazione e la povertà. E questo stato d’animo finirà per compromettere le nostre convinzioni, fino a diventare una certezza che pregiudicherà ogni espressione di bellezza. Se invece ci convinciamo del fatto che tutte le risposte sono già dentro di noi e che occorre solo svelarle e manifestarle nella quotidianità, allora il percorso di rinascita interiore sarà più rapido ed efficace perché partirà da una base di esistenza, ossia “la perfezione del tutto”, inteso come l’evidenza di un mondo esistente che chiede solo di essere riconosciuto e amato così com’è. Questo non vuol dire non impegnarsi a migliorare se stessi e il mondo, ma significa solo avere la certezza che tutto ciò che fa bene alla nostra vita è già qui e che dobbiamo solo imparare a distinguere. Questo libro è un inno alla semplicità della vita che racchiude in sé le caratteristiche di una bellezza senza confini che tutti abbiamo diritto di apprezzare. Ma la nostra mente e il nostro cuore vanno educati ad ammettere l’esistenza di questa perfezione e questo libro promette di offrire al lettore tutti gli strumenti per farlo. E’ un viaggio che solo i coraggiosi vorranno intraprendere, perché ci si lascia alle spalle i limiti e le resistenze di una vita ristretta e senza prospettive per abbracciare uno sguardo più ampio e autentico, che guiderà il lettore alla scoperta di se stesso. La “verità rende liberi”, come dice l’autrice a cui riconosco il merito di affrontare un tema complesso, portandolo a termine con la leggerezza e la profondità che solo un autore pienamente consapevole sa fare. Non è semplice scrivere pagine e pagine di temi così introspettivi, perché si può sempre scadere nella banalità di nozioni ovvie e scontate. Ma l’autrice dimostra una maturità e una padronanza che stupisce e che accompagna il lettore in ogni pagina. Se si vuole leggere qualcosa di originale sulla crescita personale e interiore, allora questo libro non può mancare nella vostra biblioteca, tanto che vi ritroverete a sfogliarlo spesso e a meditare sulle più grandi questioni della vita umana. Mi piace sottolineare il messaggio di speranza nella redenzione dell’uomo, nel senso che si impara a fronteggiare le sfide della vita come parte integrante di un percorso di crescita, tanto che gli ostacoli e le difficoltà a cui siamo chiamati vengono considerate come l’espressione di una bellezza da modellare, come fa il pittore quando dipinge e crea sulla tela. In altri termini, i momenti complicati che la vita ci riserva vanno visti come occasioni per modellare il nostro destino e fare in modo che tutto ciò che ci limitava venga superato. Il cambiamento diventa possibile come conseguenza di una crescita spirituale, che diventa la nostra vittoria personale, ma solo se prendiamo coscienza delle nostre potenzialità. Suggerisco di leggere questo libro lentamente, ogni capitolo andrebbe letto e riletto, magari prendendo appunti e completando le pagine del libro con le proprie conclusioni. E’ un libro che va vissuto, non come momento di evasione, ma come l’occasione per impegnarsi a fare chiarezza dentro di sé. Solo purificando la nostra anima da tutte le sovrastrutture limitanti, che abbiamo accumulato in una vita intera, potremo finalmente affermare la felicità a partire dalla mia quotidianità, dal “qui e ora” tanto caro alle filosofie orientali. Amando se stessi si potrà guardare alla vita con lo sguardo di chi apprezza ed è soddisfatto di ciò che è e di chi si è in un dato momento. Senza necessità di assomigliare a qualcuno solo perché ci piace e vorremmo emularne la vita, ma rimanendo se stessi e coerenti con la nostra specifica missione. Come lo scultore che modella la creta, plasmando la statua e scartando tutto ciò che è inutile a valorizzare la bellezza della sua opera, così deve procedere il lavoro interiore di trasformazione, conservando i nostri sentimenti sinceri e buttando via le credenze limitanti, le malsane convinzioni, i pensieri negativi che affollano la mente e la rendono schiava e incapace di dichiarare la “perfezione del Tutto”.

Cristina

Questo libro (il primo che ho letto di Giovanna Garbuio), mi ha aperto un mondo, vi ho trovato la summa di tante precedenti letture ed ogni tassello è andato magicamente al suo posto. Sono certa che è vero che lavora mentre lo leggiamo e credo sia da leggere e rileggere scoprendo ogni volta qualcosa di utile.

Anna Maria Bernieri

Ho cominciato a leggere La perfezione del Tutto. Molto bello. Ma devo andare piano per capire e percepire nel profondo.

Valentina Eusebi

Sto pensando che ho appena terminato di leggere "La Perfezione del tutto", sono stati 4 giorni di meditazione e concentrazione sottolineando tutto ciò che la mia Anima mi diceva, e trascrivendoli nei prossimi giorni in un Quaderno colorato, comprato appositamente per riportare i Passi di questa Opera Perfetta.Non ho mai letto in vita mia un libro che emani tanta Potenza ed Energia che in sintesi è l'Uno cioè l'Amore.Veramente vi è trasmutazione del subconscio.Mi sono emozionata più volte e anche ora che scrivo questo post e ringrazio Vivek Riccardo Sardonè e Giovanna Garbuio.

Gianluigi Vanotti

Ho tutti i libri di Giovanna Garbuio e questo libro come tutti i suoi libri , è veramente fantastico !

Michele

Gli autori scrivono sul principio che Tutto è unito e la Perfezione è cosi com'è. Un viaggio che parte con l'Ho'oponopono insieme ad altre forme di spiritualità, si intuisce che tale principio è conosciuto da molti secoli, ed oggi la scienza come la fisica quantistica,la biologia, la genetica stanno dimostrando. Consapevolezza,Amore e Percezione esprimono questo principio nella Vita.Bel libro scritto in modo semplice e chiaro. Grazie

Carla

Ho letto il libro devo dire che la prima parte non mi ha convinto , un po confusa, ma a mia sorpresa dopo è stato alquanto stimolante e riflessivo nel contempo. Mi è piaciuto il modo come sono stati spiagati i concetti di perfezione. Lo consiglio

Michela

Questo libro insegna che tutto è Amore, e lo fa nel modo migliore: arrivando dritto al Cuore. Quando arrivi all'ultima pagina e lo tieni ancora tra le mani ti sorge un solo pensiero: qui c'è scritto tutto ciò che è necessario sapere.

Luigi

Se posso essere sincero, mi aspettavo di più. Ho trovato la lettura a tratti ardua e certi contenuti ripetitivi. Il libro è un insieme di considerazioni circa il funzionamento del Tutto, circa la nostra Essenza più profonda di Coscienza Infinita personalizzata in un individuo ma allo stesso tempo inscindibile dalla Coscienza Infinita di cui Tutto è pervaso. Si tratta di una lettura che mi ha portato solo a tratti nei picchi emotivi che ricerco in testi simili. Avendo letto altri libri dell'autrice, mi aspettavo di più. Ciò non di meno, il libro merita di essere letto, se non altro per il contenuto che veicola e per il salto evolutivo che propone.

Monica

La lettura di questo libro ti riporta a quello che sei veramente. Ti riporta a Casa.Mentre scorrono le parole senti dentro quell'emozione della Verita' che pian pianinoti porta a una comprensione sempre più profonda sul magnifico viaggio che è la Vita! Consigliatissimo

Francesca

Due autori meravigliosi non potevano che creare un libro meraviglioso! Lo sto leggendo piano.. lasciando che ogni parola si posi, che ogni concetto penetri nella mia mente. Grazie per questo libro che in realtà è un dono per la conoscenza contenuta e condivisa. Lo consiglio vivamente.

Wanda

Ci sono libri che possono cambiare la visione della vita o almeno ispirare un tale processo....ebbene questo è un libro "attivo", una lettura che parte dalla mente e arriva dritta nel cuore scritta da due persone meravigliose che usano il cuore per arrivare alla mente.

Giuseppe

Che dire un libro meraviglioso ed anche molto coinvolgente da leggere tutto d’un fiato....!!!! Poi essere così profondi e amorevoli allo stesso intento nel mantenere il filo conduttore sempre in ogni situazione...bello

Valentina

Questo Libro ha una trasmutazione sul nostro subconscio. Semplicemente in quattro giorni la mia Anima ha raggiunto la Pace e Armonia che ogni singolo essere umano dovrebbe raggiungere, per vedere realizzata la "Perfezione del Tutto", cioè un Mondo di Pace e Armonia. Non è un semplice libro, ma un'opera Perfetta, che emana una fortissima Energia chiamata Amore fluendo dentro di noi, andando a guarire i nostri blocchi energetici, karmici e le nostre paure, arrivando ad una sorta di beatitudine, difficile da spiegare, ma che auguro a tutti gli essere umani. Perché se il viaggio inizia con l'ultima pagina di questo libro, auguro a tutto il mondo di leggerlo e di raggiungere la Pace e l'Armonia, che è poi la realizzazione dell'Uno, dell'Amore e del Tutto e quindi la diretta conseguenza di questo libro intitolato "La perfezione del Tutto". Gli autori meritano solo un successo formidabile perché solo leggendolo la vostra Anima ve né sarà grata. Grazie infinite per tutto

Franca

'La perfezione del tutto' è un libro molto affascinante e sicuramente istruttivo. Gli autori con un un linguaggio scorrevole e semplice; ma ricco di contenuti; ci fanno entrare in un'ottica diversa della realtà. Il messaggio divino contenuto in queste pagine è meraviglioso. Tutto va oltre il calcolo mentale e un libro che certamente vi consiglio di leggere.

×

WhatsAPP Chat Giovanna Garbuio

× Hai bisogno di aiuto?