Testimonianze di Ho’oponopono occidentale

Salva

SalvaTestimonianze di Ho’oponopono occidentale condivise dai lettori del blog

Esperienze e Testimonianze di Ho’oponopono occidentale

testimonianze di ho'oponopono

Se vuoi condividere le tue testimonianze di Ho’oponopono occidentale, sottoforma di esperienze di vita, per moltiplicarne la gioia e l’efficacia, scrivimele a giovanna.garbuio@gmail.com e le inseriremo in questa sezione, tra queste meravigliose testimonianze di Ho’oponopono occidentale, con infinita gratitudine!

La lettura e la condivisione di queste testimonianze è un vero e proprio strumento di pulizia Ho’oponopono!

Siamo tutti visitatori di questo tempo

Niente nella vita accade per caso. Non è per puro caso se il mio oggi è il principio del Sogno che ho sempre sognato… Non è per puro caso se ti incontro..

1) Testimonianze di Ho’oponopono occidentale su una vacanza “studio”

Eccomi di ritorno dalla mia vacanza studio …non proprio vacanza studio, ma essendo in ferie, rilassata, serena, senza pensieri negativi per la testa, ero nella situazione ideale per approfondire alcuni concetti e alcune metodologie di Ho’oponopono & c.

Ne ho approfittato per rileggere alcuni testi fondamentali e rinfrescarmi la memoria; libri come: La profezia di Celestino di James Redfield; La legge di Attrazione di Ehster & Jerry Hicks; La Chiave Suprema!

Ero in vacanza con le persone che amo di più al mondo, in un bel posto, senza alcun tipo di scocciatura… guai non approfittare di questo stato di estasi per verificare la fondatezza di certi insegnamenti.

E adesso voglio condividere con voi la mia esperienza… E quindi partiamo dal principio.

Qualche giorno prima di partire sono andata a prelevare i contanti necessari per il viaggio e poichè un pagamento che aspettavamo tardava ad arrivare, in conto avevamo la cifra strettamente necessaria, ma senza gran margine di manovra.

Andava bene lo stesso, ma qualche soldino in più non avrebbe guastato, nel senso che non ne avevo strettamente bisogno e non lo sentivo come un bisogno, ma “va tutto bene grazie ne voglio ancora!”

Andando in banca a ritirare i soldi ho fissato la mia attenzione sulla mia situazione finanziaria, senza darle una connotazione positiva o negativa, ma semplicemente come una parte della mia vita che poteva essere migliorata. Per tutto il tragitto (10 minuti) ho continuato a ripetere quella che ormai considero la mia formula magica: “Scusa, Mi dispiace, Grazie, Ti amo, Scusa, Mi dispiace, Grazie, Ti amo, ecc…”

Arrivata allo sportello in conto c’erano € 500,00 in più del previsto; un rimborso inaspettato perché mi avevano abbassato la rata del mutuo con effetto retroattivo di 6 mesi! GASP!!! Sono rimasta “basita” ..come si dice.

Ero fuori di me dalla gioia, anche per l’accredito inaspettato ovvio, ma soprattutto perché era una prova di come il sistema funzionasse…
Da quel momento ho applicato il metodo ad ogni situazione problematica… e ogni volta che lo facevo con fiducia e partendo da uno stato d’animo sereno …. funzionava preciso come un orologio satellitare!

Ho visto un vestito strepitoso in una vetrina …e “qualcuno” me l’ha regalato; I bambini litigavano e hanno smesso (per poi riprendere ovviamente, ma in situazioni in cui era assolutamente accettabile! Che dipendesse dal fatto che sono bambini o dalla sospensione del mio focus?)

Trovavamo parcheggio senza difficoltà se mi concentravo, sempre se mi applicavo riuscivamo a mangiare bene a prezzo modico, nonostante le vincolanti esigenze culinarie dei bambini!

Una sera dopo aver fatto un’escursione fuori città siamo tornati in albergo molto tardi: il parcheggio sotto l’albergo costava 4 € all’ora, per cui avevamo deciso di parcheggiare un po’ fuori, dove spendevamo 6 € al giorno, ma per rincasare bisognava prendere 2 tram.

Quella sera i bambini si sono addormentati in macchina, e anche noi eravamo stanchissimi. Siamo arrivati fino all’albergo con l’intenzione di scaricare i bimbi, metterli a letto e poi portare la macchina al parcheggio più economico.

Mi dispiaceva un sacco per mio marito che avrebbe dovuto sobbarcarsi un’ ulteriore sfacchinata dopo una bella giornata, ma pesante! Non vedevo via d’uscita, lasciare la macchina al parcheggio che costava 4 € all’ora per 10 ore ci sembrava davvero un insulto alla miseria!

Non avevo la minima idea di come si potesse risolvere la cosa: “Scusa, Mi dispiace, Grazie, Ti amo, Scusa, Mi dispiace, Grazie, Ti amo” senza suggerimenti, solo con piena fiducia e con serenità!

Arrivati all’albergo abbiamo scoperto, chiedendo ad un ristoratore di quella strada (la cosa non ci era stata nè comunicata dall’albergatore quando avevamo chiesto le modalità di parcheggio, nè era scritto su alcun cartello), che di notte il parcheggio era gratuito!

Problema risolto! SNAP… Detto fatto con buona pace per tutti!

Una mattina decidemmo di affittare le biciclette per visitare la città in bici. La tata più piccola sarebbe andata con un originale tandem con il suo papà!

Arrivati al noleggio individuiamo subito il tandem adatto. La bambina era tutta eccitata per la sistemazione inconsueta e divertente, ma… il tandem era prenotato e non ce ne erano altri di disponibili! CAVOLO avremmo dovuto prendere una banale bici con il seggiolino dietro come si vedono sempre anche qui da noi.

Lei c’è rimasta malissimo ed io con lei… ma non c’era alternativa, o così o niente! Me la sono presa in braccio e l’ho coccolata cercando di farle accettare la cosa mostrandole comunque i lati positivi della cosa, ce ne saremmo comunque andati tutti insieme a spasso in bici e lei se ne sarebbe stata appollaiata dietro il suo papà ecc.. ecc…,

Ma intanto nella mia testa: “Scusa, Grazie, Ti amo, Scusa, Grazie, Ti amo, ecc…”
Improvvisamente arriva un tandem identico a quello che era prenotato, che veniva restituito in ritardo… Non so descrivervi gli occhi della mia bambina preferita alla notizia che sarebbe andata in giro con il tandem!

“Scusa, Grazie, Ti amo, Scusa, Grazie, Ti amo.” 

Giò
testimonianze di ho'oponopono

2) Esperienza Ho’oponopono occidentale sul terremoto

Gioco di Ruolo” è eccellente come libro gratuito, introducendo concetti e argomenti senza approfondire, rimandando ad altre fonti e stimolando la curiosità.

Ho iniziato a praticare l’Ho-oponopono venerdì sera in un periodo di profondo disagio personale e di cambiamento. Mentre amavo, mi scusavo e ringraziavo sentivo la mia mente piena di serenità e il corpo pieno di brividi gradevoli. Mi sono detta che stava funzionando, che stava lavorando.. Sabato ero felice, in forma e piena di volontà.. Continuavo ad Amare, scusarmi e ringraziare ogni pensiero che mi ricordasse la mia situazione attuale e stavo bene.

Domenica mattina, però… Mi sono svegliata dopo un sogno terribile. Sono stata malissimo tutta la mattina e tutto il giorno. Continuavo con l’Ho’oponopono e mi sentivo solo profondamente, profondamente  addolorata…

Non sentivo più nè l’amore nè la gioia… Piangevo come una fontana! Posso dire di aver fatto Ho’oponopono tutto il giorno e gran parte della notte, piangendo… cercando l’amore e la gratitudine ma trovando solo pentimento! Ho ascoltato tutta la rabbia che mi porto dentro, chiedendo perdono a L’Aquila, la mia città, che ieri sera ha brontolato di nuovo con forza (scossa di grado 3.2), arrabbiata (la città ma forse solo io) per tutto il cemento che ha sostituito gli alberi e i prati che erano là ben prima … Piangevo per i lutti, per gli abbandoni, per i tradimenti, per le bugie… e mi sentivo veramente  responsabile per tutto quanto…

Ho letto il libro, so che E’ così.. ma il mio senso di responsabilità non era mentale… Profondamente ho sentito che dal terremoto alla storia d’amore finita da poco col mio fidanzato il filo conduttore è lo stesso: rabbia, sfiducia e paura… Continuo  ad amare e ringraziare… nell’attesa che questo senso di dolore lasci di nuovo posto all’Amore e alla gratitudine.
Grazie per il tuo lavoro.

Maruska
testimonianze di ho'oponopono

3) Testimonianze di Ho’oponopono occidentale sul lasciarsi andare

Ciao a tutti!
Ti faccio i complimenti per “Gioco di Ruolo” che ritengo un’ottima sintesi dei concetti fondamentali su cui si basa  Ho’oponopono.

Dopo un lungo pellegrinaggio di letture alla ricerca del segreto per raggiungere la felicità “terrena”, sono approdata a The Key e Zero Limits di Joe Vitale e ne sono rimasta decisamente affascinata.

Sono una persona molto razionale e per natura diffidente e nonostante il periodo di crisi economica che sta incidendo pesantemente sul mio lavoro, sto vivendo un periodo di serenità e soprattutto di fiducia nel futuro. Credimi, sono stupita io stessa dello stato di grazia in cui mi trovo… non è nella mia indole… io, così seriosa e iper-stressata.

E’ bello lasciarsi andare…….

Ti terrò aggiornata sugli sviluppi e le applicazioni dell’Ho’oponopono nell’ambito della mia vita.
Un abbraccio e un ringraziamento ! Cia

Manuela
testimonianze di ho'oponopono

4) Esperienza ho’oponopono occidentale ininterrotto

Ciao, ho letto il libro e per me dovrebbe essere materia di studio nelle scuole….un metodo da apprendere molto interessante .

Io lo uso tutti i giorni in qualsiai occasione e anche sul lavoro quando faccio qualche cosa di particolarmente difficile o per qualcuno che non sta bene e ha bisogno di aiuto. Io trovo che funzioni molto bene e poi mi piace ripeterlo spesso è come musica . Grazie dei messaggi che mandi mi fanno molto piacere e spero di incontrarti presto . Baci astrali.

Nicoletta
testimonianze di ho'oponopono

5) Testimonianze di ho’oponopono occidentale sulla gioia, l’Amore e la serenità

Sono felice di essermi imbattuta dopo tanto vagare in Zero limits e poi in Gioco di Ruolo (complimenti e grazie, ottimo lavoro), non c’è nessuna esperienza in particolare che posso raccontare, ma posso dirti che la mia vita da quando ho messo in atto ho’oponopono, si sta riempiendo di gioia amore e serenità…

Riempiamo il nostro cuore di amore e l’amore ci troverà ovunque noi siamo. Scusa Grazie Ti amo!

Giusy
testimonianze di ho'oponopono

6) Esperienza ho’oponopono occidentale leggerezza e fiducia

Anche se recito il mantra da appena 3 giorni, ho sentito immediatamente un grande beneficio. Un senso di leggerezza e di fiducia che non provavo da tempo.

Già da qualche mese avevo letto la storia di questo mantra ma solo con il tuo omaggio “Gioco di Ruolo” ho iniziato a praticarlo.

Trovo che sia meraviglioso ristabilire profondamente, mentre si recita, il contatto con la nostra parte divina (questa è la sensazione che io provo) ed inoltre è bellissimo potersi liberare automaticamente, nella consapevolezza e nella gioia di quello che si sta facendo, di ogni risentimento verso gli altri. E’ incredibile riprendersi tutta la responsabilità di ogni cosa senza per questo doversi sentire in colpa.

Da sempre mi chiedo cosa sia il “peccato originale” che la nostra religione ci insegna e perché? Credo di essermelo finalmente spiegato grazie a Ho’oponopono ! Esso coincide con tutto ciò che di negativo ci portiamo inconsapevolmente di vita in vita nel nostro subconscio.

E questo, ma è solo il mio personalissimo parere, mi aiuta anche a spiegarmi in modo naturale e semplicissimo il perché tanti bimbi “innocenti” vivano nella sofferenza. Grazie a te che con una pratica sincera e consapevole del mantra contribuisci alla sua diffusione e ad un mondo migliore!

Susanna
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

7) Testimonianze di ho’oponopono occidentale assimilare il messaggio

Grazie grazie grazie per il lavoro che stai facendo con tanto Amore. Vorrei contribuire all’efficacia del tuo blog con la mia testimonianza ho’oponopono.

Ho letto immediatamente ‘Gioco di ruolo’ e mi sta per arrivare il libro ‘Ho’oponopono occidentale’ di cui mi ha parlato per la prima volta (definendolo il miglior libro in assoluto da lei letto su questi argomenti) la mia amica Gabriella  che è  una grande Anima che per prima mi ha dato la sua testimonianza ho’oponopono. Lo studio di Ho’oponopono mi sta dando moltissimo. 

Mi ha aiutato a superare una brutta crisi di tipo fisico capitatami in questi ultimi giorni. Però vorrei mettere in evidenza un aspetto importante quando si parla di questi argomenti. E questo aspetto è il risultato delle mie esperienze. L’efficacia del lavoro dipende dalla capacità che noi abbiamo di far entrare i ‘messaggi’ nella parte più profonda di noi stessi.

Di assimilarli, di somatizzarli come si dice. Di farli nostri al punto da varli diventare la nostra Verità. E mi è capitato tante volte di non riuscirci nel senso che non riscontravo nel lavoro che via via facevo, nessun risultato importante.

Mentre, quando ci riuscivo, l’efficacia era immediatamente evidente. Le tante esperienze fatte in questi anni, unitamente alle tante letture, mi hanno sicuramente fatto fare dei grandi progressi in questo senso.

Però tante volte mi sembra di tornare indietro. Devo dire che Ho’oponopono, da questo punto di vista, è uno strumento formidabile e ne sto facendo esperienza diretta. E sono solo all’inizio.

Spero di essere riuscito a trasmetterti il risultato delle mie esperienze. Per concludere non posso che ringraziarti per la possibiltà che mi hai dato di approfondire questi argomenti.

Ciò che scrivi è sempre estremamente stimolante e in perfetta sintonia con il mio sentire. Ti auguro veramente con Amore che il tuo lavoro sia sempre più proficuo per te e per gli altri. Siamo tutti nello stesso cammino. Ti abbarccio

Giuseppe
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

8) Esperienza ho’oponopono occidentale la problematica si allegerisce

Ciao a tutti! Vorrei proporvi la mia testimonianza ho’oponopono. Prima di tutto volevo ringraziarti,  per le opportunità che mi dai di potermi migliorare come persona. Ho letto davvero tanto riguardo alla legge dell’attrazione, ma quando mi sono imbattuta nell’Ho’oponopono, nel capitolo di “The kay”, ho sentito davvero qualcosa di magico che mi stava letteralmente ipnotizzando.

Mi sono messa a cercare subito su internet, ma haimè, non ho mai trovato niente fino a quando…sì, ho trovato il tuo magnifico sito! Grazie, davvero! Sto praticando l’Ho’oponopono assiduamente e devo dire che recitare il mantra mi dà una pace e una tranquillità veramente profonde.

Sto ascoltando anche l’ audio; mi infonde davvero grande benessere.

La mia testimonianza ho’oponopono parte dal fatto che se ho qualche preoccupazione comincio a dire: SCUSA, GRAZIE, TI AMO! Nel giro di poco la problematica si alleggerisce e riesco a trovare una soluzione! Sembra incredibile, ma è così!

Inoltre, mi sono accorta che vedendo il lato positivo delle cose, o cercando di avere un atteggiamento propositivo, si attirano, nel vero senso della parola, situazioni o persone positive!

Andare al lavoro e aprire la porta con un bel sorriso, accompagnato talvolta anche da un buon caffè, per quanti problemi ci possano essere, mette sicuramente di buon umore me, che offro questo atteggiamento, e anche le persone con cui lavoro, che ricevono e avvertono le mie “vibrazioni”. La giornata inizia decisamente meglio che non brontolando e arrabbiandosi con tutti e tutto!

Salutare le persone con un bel “Buona giornata”, dire “grazie”, dedicare un po’ di tempo agli amici che magari vediamo di rado, essere gentili con i propri cari, potrà sembrare un’ inezia, una cosa scontata, ma non è così!

Una volta sono andata in un bar e ho ordinato un caffè. Quando la barista me l’ha portato al tavolo, l’ho ringraziata. Una volta pagata la mia consumazione, mentre me ne stavo andando, l’ho salutata con un “Grazie e buona giornata”! Ebbene, mi ha fermato e mi ha RINGRAZIATA perchè ero stata gentile. Beh, non potevo davvero credere alle mie orecchie!!!

E questo è solo uno dei tanti esempi che potrei citare. Cose che a me sembrano banali, magari per qualcun’altro non lo sono, e, quando ci si rende conto di ciò, tutto assume un significato sempre nuovo e sorprendente! Ho’oponopono mi ha insegnato anche questo, a non dare mai, mai, mai niente per scontato! GRAZIE DAVVERO!
Intanto ti abbraccio! SCUSA, GRAZIE, TI AMO!

Valeria
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

9) Testimonianze di ho’oponopono occidentale tutto è sempre il meglio

Ho sempre avuto un desiderio che credevo non realizzabile per paura di andare sotto i ferri , e cioè rifarmi il seno !! Indovina un po’?

L’anno scorso scopro un tumore e vengo operata all’inizio non l’ho presa proprio bene !! Ma grazie a ho’oponopono l’ho superato e ho capito che l’universo trova sempre il modo di realizzare i tuoi desideri !! È da lì miliardi di cose belle voi compresi grazie infinite. E.

Ps mi sento l’esempio vivente che ho’oponopono funziona!

Virginia
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

10) Esperienza ho’oponopono occidentale tre racconti

Carissima Giò, ti invio il racconto di alcuni avvenimenti da me vissuti negli ultimi due anni, dove ho sperimentato, a mio avviso, come la vita possa scivolare con garbo se manteniamo un atteggiamento proattivo e non reattivo di fronte ai tanti “intoppi” che incontriamo nel nostro cammino terrestre.

Questi tre episodi afferiscono alla sfera materiale, ma ho testato sul campo come tale atteggiamento possa validamente semplificare anche le situazioni in ambito relazionale. Ho ancora tanto da lavorare, poiché la questione denaro non è stata ancora risolta, nel senso che non ho ad oggi una fonte di guadagno stabile; eppure se ci si abitua a non pretendere certezze granitiche per stare bene ma si segue il flusso, di volta in volta le soluzioni arrivano.

Naturalmente la fiducia nella magnificenza dell’Universo è requisito fondamentale così come il voler sempre cercare, prima delle soluzioni, gli insegnamenti che ci arrivano con gli eventi e dunque vivere questi momenti come occasioni per conoscersi e affinare la nostra innata ma spesso sepolta capacità di ricevere.

Tu stati facendo veramente un ottimo lavoro per portare serenità alle persone, sempre attenta nell’elaborare pensieri, azioni e modalità che abbiano come cardine il rispetto e l’Amore, e aperta a tutto ciò che possa apportare nuova linfa alla tua attività (missione?), senza pretendere di avere lo scettro ma creando costantemente proficue sinergie.

Continua così!

Nel mio piccolo, sono felice se passerà un messaggio in più, dedicato a tutte quelle persone che si trovano in condizioni critiche convinte di essere senza via d’uscita. Se questa mia testimonianza ti sarà utile per un post puoi tranquillamente migliorare come meglio credi il testo.

1. Una mattina di circa due anni fa, mi accorgo di non trovare più due anelli con brillanti a cui tenevo per il valore affettivo oltre che per quello economico.

A quel tempo mi potevo permettere l’aiuto in casa di una donna di servizio una volta alla settimana. Di lì a pochi giorni questa ragazza mi comunica che ha trovato un lavoro a tempo pieno.

Non faccio subito il collegamento sparizione anelli – sparizione ragazza. Ma nel tempo mi sorge il dubbio, che via via si fa sempre più concreto. Non avendo però nessuna prova decido di non denunciare l’accaduto alle forze dell’ordine.

E mi balena in mente un solo pensiero: goditeli pure, te li lascio in prestito, tanto poi ritorneranno, poiché questi anelli sono legati a me da un profondo affetto che rappresenta l’energia amorevole di chi me li ha regalati.

Così, passa un anno durante il quale il mio pensiero si è soffermato sì e no un paio di volte sulla questione, sempre con la sensazione che gli anelli fossero stati dati in prestito a una ragazza che aveva poche possibilità e forse meritava un po’ di conforto momentaneo, anche se tale pensiero è stato accompagnato da un pizzico di comprensibile rabbia.

Poi un bel giorno, dopo un week-end passato fuori casa, al rientro scopro di aver avuto la visita dei ladri! Dopo un’attenta analisi nella ricerca di cosa avessero prelevato per poter fare subito la denuncia, scopro con una certa sorpresa che nulla era stato preso, la casa era un po’ sottosopra ma sembrava ci fosse stato un certo garbo nello smuovere i cassetti, tirare fuori i vestiti ecc…

A questo punto non so come, mi si accende una lampadina: sta a vedere!?…e corro a prendere la scatolina dove tenevo le gioie..e guarda caso, proprio in bella vista, sopra tutto il groviglio di collanine varie, troneggiavano i due anelli scomparsi.

Anche i carabinieri che ho comunque chiamato hanno rilevato che il tentativo di furto con scasso in realtà era una “inspiegabile” messa in scena: i cocci del vetro della finestra erano ammucchiati all’esterno e non all’interno della casa, il navigatore GPS e il computer portatile in bella vista sul tavolo non erano stati presi, così come una ventina di euro ritrovati nei cassetti aperti.

A quanto pare la ragazza in questione aveva fatto una copia delle chiavi di casa, magari per fare un’incursione e prendere qualcos’altro, ma poi, chissà, qualcosa è cambiato nel suo stato d’animo e l’ha portata a rendere il “prestito”.

Questa è una spiegazione razionale che mi sono voluta dare, in realtà non me ne importa nulla di come siano effettivamente andate le cose, tant’è che al ritrovamento del maltolto ho semplicemente esclamato, sotto lo sguardo attonito del mio compagno: tutto è bene ciò che finisce bene!

A quanto pare, quel lasso di tempo della durata di un anno si è rivelato essere solamente un ponte immaginario, nel momento in cui io ho scelto di credere che tutto sarebbe ritornato al suo posto.

Questo episodio mi ha anche fatto riflettere sul significato che diamo alla proprietà. Forse dovremmo aprirci maggiormente alla condivisione con gli altri e dare meno peso alla materia e al senso di esclusività e agevolare invece uno scambio energetico? Testimonianze Ho’oponopono

2. Mi capita raramente di tentare la fortuna tramite i vari giochi del lotto, totocalcio, grattaevinci etc…e le volte che l’ho fatto non ho mai vinto niente; d’altronde ho sempre pensato: esiste una possibiltà su milioni, miliardi di azzeccare i numeri fortunati. Dunque niente di strano se non ho mai realizzato una vincita che non superasse i 2 euro.

Rientra nella normalità. Nonostante questa convinzione, un giorno a caso acquisto due giocate al superenalotto da due euro l’una, nella stessa settimana: una il giovedì e una il sabato.

Ma non guardo le estrazioni subito. Me ne dimentico. Dopo una decina di giorni mi ritrovo queste due schedine nella borsetta mentre stavo comprando le sigarette dal tabaccaio. E allora ne approfitto per farle passare sotto al lettore… che comincia a suonare…io nemmeno sapevo che le vincite suonassero! Beh di certo non sono diventata milionaria, ma aver vinto esattamente la stessa cifra con due schedine (e cioé 110 euro l’una) di cui mi ero completamente dimenticata, mi ha fatto riflettere.

Era la prima volta, in occasione delle mie sporadiche giocate, che non mi precipitavo a controllare l’estrazione appena avvenuta: addirittura me ne ero completamente dimenticata. Niente focus, tutto guadagno.

Naturalmente questo incasso non previsto è arrivato a fagiolo: mi è servito per saldare una bolletta che scadeva proprio in quei giorni e che ancora non sapevo bene come e se l’avrei pagata e con la rimanenza ho comprato un libro! Testimonianze Ho’oponopono

3. A marzo 2011 trovo il lavoro della mia vita o almeno quello che più gli si avvicina. Responsabile comunicazione di una nota Accademia di Alta Formazione dello spettacolo dal vivo.

Per cominciare mi propongono un contratto di 18 mesi. Ebbene, parto alla carica, piena di entusiasmo e abnegazione per svolgere al meglio il mio incarico. E le soddisfazioni non tardano ad arrivare: lavoro come un mulo per 1000 euro al mese, ma tutto funziona alla grande.

Apprezzamento da parte della maggiorparte dei colleghi e mia personale soddisfazione nel vedere gli sviluppi positivi del mio impegno. Dopo 5 mesi di entusiastico sfinimento (da notare, non avevo ancora il contratto in mano e nemmeno avevo visto un soldo) l’Ente per cui lavoravo, a causa di una grave crisi di liquidità già latente da diversi anni, decide di licenziare in tronco 30 persone di un altro settore rispetto al mio.

E per non fare disparità, anche per questioni di opportunità puramente politica, decidono a ruota di licenziare anche me. Dunque vengo licenziata trovandomi ancora nella condizione di essere senza contratto e senza aver mai percepito un euro.

Mi sono trovata davanti a un bivio:

  • scivolare nel vittimismo e nell’autocommiserazione
  • agire con rabbia e vendetta?

Mi sono presa un paio di mesi di riflessione, sospendendo qualsiasi azione e tenendo sotto controllo la mente che naturalmente mi spingeva a dar credito alle emozioni più disparate: in una parola, sono rimasta centrata.

Inoltre questa mia momentanea inazione mi è stata utile per capire come si sarebbero comportati nei miei riguardi. In risposta al mio basso profilo hanno ben pensato di offrirmi anche meno di quello che mi spettava: invece di 5000 euro per 5 mesi di lavoro, 4000.

Davanti a me avevo tutta una rosa di possibilità: i giornali erano pronti a sparare la notizia a un mio cenno, sindacati, avvocati, giudici, ispettorato del lavoro..un vero putiferio. Avrei potuto farli davvero “morbidi”. Ma chissà quanto tempo mi ci sarebbe voluto per risolvere la situazione e quanta rabbia, quanti nemici.

Troppa energia negativa. Non faceva per me. E poi non era questo quello che volevo. E così, dopo il mio periodo di riflessione ho identificato il modo migliore di agire (e questo a onor del vero mi è venuto in mente la mattina dopo aver sognato di partorire un enorme bambino)

Mi è bastato scrivere una lettera all’assessore regionale di competenza nella quale ho esposto con semplicità e chiarezza i fatti. Nessuna minaccia, nessuna recriminazione, solo il giusto dovuto per il mio lavoro.

Nel giro di una settimana sono stata contattata per “chiudere” la faccenda in modo pacifico (così mi è stato detto) che ha portato un compenso di 7000 euro invece di 4000. Due mesi di tempo nel “vuoto” ben investiti, visto quello che hanno prodotto!

A proposito, questo episodio mi ha dato molto di più: ho capito che quello che credevo essere il lavoro della mia vita, in realtà era solo un’illusione. Io non ho nessuna intenzione di lavorare come un mulo. La vita è altro, ancora non so cosa, ma di certo non è fare i muli! (con tutta la simpatia per questi animali)

Carla
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

11) Testimonianze di ho’oponopono occidentale ascoltare il proprio dolore

Con la paura dell’ignoto e la fiducia di un bambino, in maniera naturale.. quasi senza accorgemene, per la prima volta in assoluto, ho ascoltato il mio dolore. Non riuscivo a visualizzarlo e pur interrogandolo non avevo risposta.. Forse non voleva parlarmi.. Ma in fondo non era questo che volevo…

Così ho solo Amato! Incondizionatamente.. Ho detto a quel dolore, qualunque fosse stata la sua provenienza, qualunque cosa avesse voluto dirmi.. CHE LO CAPIVO.. CHE MI DISPIACEVA.. GLI HO DETTO IL MIO AMORE..

La mia prima autoguarigione, il mio primo piccolo grande miracolo… Ho sentito dei nodi sciogliersi… Ho provato una tenerezza infinita… Pochi secondi: svanito, dissolto nel nulla…

Dopo ho compreso il perchè… Ho visto la forma, il colore, l’estensione… Ho verificato la provenienza nell’ immediatezza dell’effetto…
Da quel momento ho cominciato ad applicare questo metodo al mio pensiero, per le persone che vivo…

In sostanza… L’AMORE NON HA LIMITI, L’AMORE PUO’ TUTTO!!!
L’intima consapevolezza che mi muove da sempre e di cui ora sono cosciente…

Tutto questo grazie al genitore nutritivo che aspettavo:
GRAZIE DI TUTTO!!!

Giulia

12) Esperienza ho’oponopono occidentale e i bambini

Vorrei raccontare un episodio riguardo Ho’oponopono e i bambini. Quando abbiamo conosciuto ho’oponopono io e le mie sorelle, lo abbiamo descritto subito a nostra madre, ma non era facile spiegarglielo anche perchè nemmeno noi lo conoscevamo bene così le avevamo detto che erano delle frasi speciali, da usare soprattutto nei momenti di difficoltà.

Lei, donna molto religiosa e praticante, lo disse ad una bambina di 9 anni che ha cresciuto da quando è nata e che considera un’altra sua nipotina. Un giorno mia madre ricevette una telefonata dalla piccola, molto spaventata che le chiedeva sottovoce di ricordarle le frasi perchè il suo papà era molto arrabbiato con lei e stava salendo nella sua cameretta per sculacciarla.

Vi lascio immaginare l’ansia di mia madre che ci telefonò piangendo per il dispiacere di aver sentito la piccola spaventata.

Per tutta la sera la mamma è stata male fino a che il mattino dopo telefonò subito per sapere come stava e sapete cosa rispose la piccola?: “Nonna è vero sono speciali quelle frasi. Io mi sono nascosta e le ho ripetute come mi hai detto tu e sai che cosa è successo quando il papà mi ha trovata? Mi ha chiesto scusa per avermi fatta spaventare e non è MAI successo! Nonna quelle frasi dobbiamo scriverle così non le dimentichiamo”.

Rita
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

13) Testimonianze di ho’oponopono occidentale la vera compassione

Piccolo contributo personale con un breve racconto: giorni fa mia figlia mi ha chiesto di parlare con il suo ragazzo per poterlo aiutare in un momento difficile della sua vita, in cui dolore e disperazione per problemi familiari lo stavano distruggendo.

Mi sono resa disponibile anche se in realtà non sapevo come avrei potuto davvero aiutarlo e quali parole avrei potuto usare. Io che non amo parlare tanto, mi sono ritrovata con fiumi di parole che uscivano dalla mia bocca, anzi dal mio cuore.

Lui ascoltava in silenzio e un po’ incredulo. Ma la commozione era forte e palpabile. Il mio cuore stava parlando al suo. Nei giorni successivi ho recitato in continuazione il mantra, perche se la sua storia era entrata nella mia vita non solo non era un caso, ma dovevo anche assumerne la totale responsabilità.

Dopo circa una settimana e’ stato lui a voler parlare con me. Ed erano parole di ringraziamento. Mi ha detto che stava cominciando a lasciare andare tutto il dolore che aveva dentro e che stava cominciando ad assumere un atteggiamento di fiducia nei confronti di se’ stesso e della sua vita. La mia gioia è stata indescrivibile, perchè è la gioia dell’Amore incondizionato.

Lucia
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

14) Esperienza ho’oponopono occidentale ciò che serve arriva

A “Ricomincio da me” ci pensavo da un po’. Non è un bel periodo e ..scusatemi se l’ho pensato, in quel momento pensare di spendere 17 euro non era purtroppo il momento. Ho desiderato che mi venisse regalato, x cui ho aspettato un po’ ad ordinarlo.

Poi un giorno mi sono detta ‘come può esserti regalato se non lo hai detto a nessuno questo desidero? Isa, se lo desideri è una cosa bella x poterti Amare di più, x cui compralo e falla finita.

Ho recitato il mantra perchè non mi pareva bello il pensiero che avevo fatto in relazione al libri/soldi. Oggi finalmente è arrivato. Alla cassa  ho consegno la Card della libreria come al solito. Con mio stupore la cassiera mi informa di aver raccolto sufficienti punti per un buono, e il libro pertanto mi veniva dato gratis…

Non è incredibile??? Io sono basita, esterrefatta, felice. Voglio solo ringraziare. Grazie, grazie, grazie. Sempre più consapevole, più emozionata!

Isabella

15) Testimonianze di ho’oponopono occidentale nelle relazioni

La situazione a cui faccio riferimento si è sviluppata l’altro ieri a partire dalla mattina…. tutto un susseguirsi ininterrotto! Tanto che alle 11,30 ho sentito mio marito che mi ha detto: “porta pazienza tra una settimana ricomincia la scuola”!!! 

GRRRRRR! 

Anch’io ho tre lanzichenecchi in casa… 15, 14 e 10 anni! BINGO! 

Io non voglio pensare alla scuola come ad una salvezza dai miei figli! Io non voglio avere bisogno di qualcosa o di qualcuno che mi salvi dai miei figli!

La sera sono andata a letto alle 9.00 sfinita, spossata, svuotata, frustrata ecc… Ho preso in mano il libro dal comodino, ma ero troppo di malumore per leggere e improvvisamente ho avuto come un flash, mi sono detta: ma sei più fuori di un balcone? Hai preso una tranvata in fronte? Cosa stai facendo?

Nessuno ha il diritto e soprattutto il potere di rovinarti nè la vita nè la giornata!

Sei solo tu quella che ti sta complicando l’esistenza… Svegliati! Quale migliore occasione per dare una bella raddrizzata a tutta la faccenda con una pulizia di fondo con tutti e tre che rompono a motore senza soluzione di continuità? E così ho messo giù il libro e mi sono messa a ripetere senza sosta “Scusagraziemiamoscusagraziemiamoscusagraziemiamo”… e volete sapere… mi sono sentita davvero grata per la situazione che si era creata e per come era via via degenerata. 

Dopo una decina di minuti è venuto su il tredicenne e mi ha chiesto se andavo a vedere il film che avevamo lasciato a metà la sera prima! Io stavo facendo Ho’oponopono è vero, ero pervasa di gratitudine è vero, ma ero ancora profondamente arrabbiata!

E una cosa che mi sono sempre “imposta” con tutti, ma soprattutto con i miei figli è di non fingere stati d’animo che non provo, così ho colto l’occasione per dirgli chiaramente come mi sentivo, da pari a pari. “No” gli ho risposto! “Ma perché? Non volevi sapere come andava a finire?” “Sì! Ieri lo volevo sapere, adesso non mi interessa” “Ma come mai?” insiste lui.

Dovete sapere che i ragazzi a quest’età hanno l’incredibile capacità di soggiornare sul pero quando tutto il mondo vive e interagisce sul melo, e cadono inspiegabilmente dalle nuvole quando si manifestano le conseguenza dei loro comportamenti! 

“Senti” gli ho detto “ho avuto una giornata assurda, ho assistito tutto il giorno alle vostre liti e mi sono anche fatta coinvolgere mio malgrado e adesso sono spossata, svuotata, non ho voglia di niente!

Questa non è la vita che io voglio fare! Io non ho il carattere per stare a fare continuamente tira molla, con castighi, punizioni, ricatti e giochetti. Non sono fatta così io, non ci riesco e non voglio che voi mi costringiate ad essere diversa da come sono!

Ho il dovere di educarvi e di farvi capire come è corretto comportarsi, ma non intendo farlo rinunciando al mio modo di essere! Non avete il diritto di impormelo!”

Ecco… più o meno così! Gli ho detto esattamente come mi sentivo. Non sono stata a recriminare sui loro comportamenti o sui miei, gli ho semplicemente detto come mi sentivo!

Lui mi ha ascoltato e poi se ne è tornato a guardare la tv con i suoi fratelli. Mi è anche balenato per un attimo il pensiero che non avesse capito, invece aveva capito tutto perfettamente!

A quest’età sono così… è molto difficile che ci parlino… ma questo non è un buon motivo per rinunciare a farlo noi! Sono profondamente convinta che non dobbiamo mai perdere nessuna occasione per parlare con loro, per aprirci il più possibile, anche se ci pare di avere un muro di gomma dall’altra parte, in realtà non è così!

Gli adolescenti saranno, musoni, egocentrici, chiusi e silenziosi quanto vogliamo, ma non sono scemi e come tutti gli esseri in evoluzione sono delle carte assorbenti che incamerano tutto ciò che li coinvolge.

Ha capito perfettamente tutto, il mio stato d’animo, la situazione e le conseguenze del suo comportamento…. e l’ha dimostrato in seguito, cambiando completamente atteggiamento nei miei confronti e in quelli dei suoi fratelli!

Io ho ripreso a fare Ho’oponopono su tutta la situazione e mi sono lentamente rasserenata, ho cominciato addirittura a sorridere! 

Dopo una mezz’oretta sono venuti a letto anche loro. La bambina è venuta nel mio letto, mi ha detto “posso addormentarmi qui?” ….”Fai quello che vuoi!”

Io ero ancora arrabbiata… lei si è infilata sotto le coperte, io mi sono messa nel mio angolo e dentro provavo una sottile angoscia… e anche lì ho pensato…. ma sei rimbambita? Stai assumendo l’unico comportamento che ti fa stare male! Il mio Io superiore comunica con me attraverso le emozioni, quindi, se quel comportamento mi procurava angoscia, il segnale era forte e chiaro… ho allungato la mano verso la bimba e tutto si è rasserenato, ci siamo fatte un coccolo… mi ha chiesto 1000 volte scusa e ci siamo addormentate, dopo aver fatto il gioco della gratitudine…

Ne mancava ancora uno… così la mattina quando si è svegliato sono andata a parlare con il più grande… io ero nettamente più serena e quindi non rischiavo di perdere le cosiddette staffe, come poteva succedere il giorno prima, cosa che mi aveva spinto a rimandare la discussione.

“Ti sei accorto di cosa è successo ieri?” …. “Io avevo ragione con mia sorella….” “Sì avevi ragione nella piccola parte della situazione che coinvolgeva tua sorella… ma….”

E qui gli ho spiegato chiaramente il mio punto di vista, che in quel frangente era stato più ampio del suo, vedendo tutti i coinvolgimenti che lui non aveva preso in considerazione.

Non ho mancato di sottolineare nei particolari il mio stato d’animo, e anche le sue ragioni, dove c’erano. Ho anche riconosciuto che avevo esagerato con la punizione che gli avevo affibbiato e gliel’ho tolta (contro le indicazioni di tutti i manuali sigh!).

Lui mi ha ascoltato in silenzio… alla fine gli ho chiesto? “Credi ancora che io sia una pazza psicopatica, ingiusta e intollerante” ….”non l’ho mai pensato!” Ci siamo abbracciati ed è finita lì.

Oggi e ieri sono state giornate perfette!

Tutto liscio… nemmeno una piccolissima discussione tra fratelli… Vediamo fino a quanto dura! Non troppo… altrimenti rischiamo di annoiarci!

Giovanna
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

16) Esperienza ho’oponopono occidentale nel lavoro

Pensavo oggi a quanto ho sofferto quando ho dato le dimissioni perchè l’azienda era in crisi. Ho inviato centinaia di curricula ma ero troppo vecchia, troppo qualificata, troppo di tutto. Ma se le cose non fossero andate così oggi non avrei potuto fare la nonna a tempo pieno decidendo di fare un lavoro che amo, ma mi lascia molto libera. Ho capito 2 anni dopo che ciò che sembrava un dramma e stata una fortuna infinita.

Cerasella

17) Testimonianze di ho’oponopono occidentale nessun male viene per nuocere

Ho conosciuto Ho’oponopono per “caso” 3 anni fa, e fino ad allora avevo una vita felice ma non troppo…

In quel periodo purtroppo (o per fortuna…) io e la mia famiglia abbiamo avuto una serie di grossi problemi e come dicevo, per “caso”, ho conosciuto Ho’oponopono e ci siamo “attaccati” ad esso anima e corpo, in quel momento difficile. Da quel giorno posso tranquillamente dire che le nostre vite sono totalmente cambiate e sono state stravolte, positivamente, da tutta una serie di incontri, amicizie, eventi, che ci hanno fatto crescere tantissimo.

Il nostro percorso evolutivo è partito da l’,in questa vita e da lì è cominciato il nostro viaggio nel risveglio della consapevolezza. Tutto nella nostra vita da quel giorno è diventato meraviglioso, una canzone, come direbbe Osho… e pensare che non siamo neanche dei ripulitori assidui. Però è totalmente cambiata la nostra vibrazione e quella delle nostre vite!

E’ come se il nostro bambino interiore pulisse sempre al posto nostro se non lo stiamo facendo noi consciamente, e in effetti penso che sia proprio così!  Quindi Grazie Ho’oponopono e grazie a tutti voi qualora abbiate avuto voglia di dedicarmi questi 2 minuti!  SCUSA, GRAZIE, TI AMO.

Massimiliano
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

18) Esperienza ho’oponopono occidentale di condivisione

Mia sorella è parrucchiera e ogni martedì si reca presso una casa di riposo per sistemare i nonnini. La seconda mia sorella va ad aiutarla praticamente da sempre mentre io solo da un paio di mesi. Puoi immaginare che in questi posti trovi veramente di tutto ma ci sono anche persone lucide che stanno li perché malate.

Con queste mia sorella intrattiene delle normali conversazioni che però non arrivano mai alla confidenza, figurarsi a parlare loro di ho’oponopono. Ieri è successa una cosa bellissimamente strana: una donna che pettiniamo tutte le settimane molto intelligente e lucida, ma molto molto malata e malinconica, improvvisamente si è presentata dicendo “Mi dovete aiutare, solo voi potete farlo”.

Mia sorella visto l’eccessivo stato di tristezza della signora, ha preso a fare la buffa per farla sorridere, ma lei ci ha fissato in modo dolce ma insistentemente strano e ha detto “No! Mi dovete aiutare! Mi sento strana, vuota! Mi sento diversa come quando ero ragazza. Ditemi cosa devo fare, voi potete aiutarmi!”. Era già stata seguita da psicologi e con noi non è andata mai oltre un rapporto di cordialità.

Abbiamo capito subito che ci è stata affidata dal suo spirito per farla arrivare ad ho’oponopono cosi le abbiamo detto di cominciare subito a ripetere il mantra e di fidarsi in maniera totale. Ora la affideremo alle parole che tu hai scritto e quindi le stamperemo “Gioco di Ruolo” e di seguito le regaleremo poco alla volta i libri che hai scritto.

Rita
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

19) Testimonianze di ho’oponopono occidentale per l’abbondanza

Dunque questa settimana ho pagato il cellulare e quindi ho finito i soldi a disposizione fino a martedì prossimo che è giorno di paga. Non mi sono angosciata ma bensì ho spostato l’attenzione sul fatto che si ero senza soldi (per una settimana) ma avevo pagato il cellulare e via di mantra.

Niente ansia e ……ieri un’amica che mi doveva 200 euro da 4 anni mi chiama per dirmi di passare oggi a prenderli. Forse inizio a capire che non devo concentrarmi sulle necessità ma su ciò che ho (oddio lo avevo già capito ma era difficile metterlo in pratica). Naturalmente pulizie a go-go nel frattempo.

Giuliana

20) Esperienza ho’oponopono occidentale nei dettagli

E’ incredibile come un piccolissimo, e apparentemente innocente, dettaglio possa deviare il nostro percorso di risveglio e di crescita. Dopo mesi e mesi di ricerche, letture e impegno costante che mi hanno portato ad un cambiamento personale e di vita decisamente importante, la scorsa settimana sono ricaduta nel tranello dei film mentali.

Nonostante sappia che non sono i problemi ad essere un problema, a volte questo sembra difficile da ricordare quando sono coinvolte persone che ami. Così, pur continuando con il mantra a ripulire le memorie che mi avevano materializzato determinate situazioni spiacevoli, non mi sono accorta di come un semplice piccolo pensiero mi stava riportando nel vortice della insofferenza.

Ricordo che questo mio primissimo innocente pensiero è stato : “ Eh ma cavolo!

Però un minimo di risultati a sto punto dovrei pur vederli ! Certo che di loro non ci stanno mettendo niente … stanno bene nel loro brodo ecco cos’è! Stupida io che ancora gli sto appresso! Io quando ho voluto venirne fuori mi ci sono impegnata ma qui mi sembra che tutto sia dovuto”. Ragazzi non mi sono resa conto che da quel momento, stavo facendo tre passi in avanti ma uno indietro fino a farne due indietro e fino a che … la situazione stava precipitando.

Una settimana senza rivolgerci la parola. Ed un crescendo continuo di nervosismo, delusione, paura e rabbia.

A questo punto sia benedetto questo gruppo perchè chiedendo a Giovanna come avrei dovuto leggere la situazione sono stata invece riportata a smettere di analizzarla e a benedirla per qualunque cosa io non riuscissi a vedere. In più sabato leggo il post di Carla dove ricorda di pronunciare “grazie, Ti amo” con un sorriso e così per tutto il giorno sorrido, benedico e ringrazio le persone e le situazioni coinvolte, senza pensare a niente altro.

Mi sono rilassata e ho lasciato che le cose si evolvessero da sole. Abbiamo ripreso a dialogare e già questo ci ha rasserenati tutti quanti .

Voglio dire che non ho mai creduto nella frase “e vissero felici e contenti” riferito ad ogni ambito della vita, perché so che non esiste una sola meta finale ma è tutto il percorso di vita che può e deve essere fatto felicemente, però è molto molto facile cadere nel tranello del vittimismo, delle aspettative e della rabbia senza rendersene conto e questo non aiuta per niente credetemi.

Scusate se mi sono dilungata ma ci tenevo a dire di continuare con fiducia la pulizia, senza forzare la mano cercando di capire o cercando di risolvere con i nostri tempi. Ogni cosa che si avrà da capire si capirà e si risolverà quando e come è giusto che sia.

Anonimo

21) Testimonianze di ho’oponopono occidentale un giorno fortunato

Bel gioco, il giorno 13 è stato un giorno fortunato, sono stato così male da essere ricoverato d’urgenza al pronto soccorso, ma è stato veramente un giorno fortunato, perché è una di quelle cose che ti fanno apprezzare la vita.

Ho subito recitato il mantra Ho’oponopono e così la calma e l’amore hanno prevalso in me. Osservavo Oreste e provavo amore compassionevole, non ho avuto paura per la vita perché ho intuito che tutto è in prestito, soprattutto la vita materiale, ero tranquillo perché percepivo l’eternità dell’anima.

La giornata è stata bellissima, ho recitato il mantra davanti al crocifisso presente nel reparto del pronto soccorso e li non a caso ho conosciuto tante bellissime anime, tutti mi hanno trattato benissimo dottori infermieri e malati.

Ho passato una giornata a confortare tutti, ad abbracciarli e a fare meditazione Yoga. Chi poteva mi imitava e si sentiva meglio, anche con la sola respirazione, il potere di Ho’oponopono è immenso, magicamente verso sera il primario del pronto soccorso mi comunica la possibilità di dimissione immediata in quanto il quadro clinico è inspiegabilmente cambiato, le analisi ed i controlli sono tutti perfetti ed Oreste la sera stessa torna a casa.

Quella che sembrava una giornata terribile, è stata una giornata fortunata, ho percepito con il cuore non solo l’amore dei familiari parenti e amici, ma anche di sconosciuti, ho ripreso a fare Yoga insegnatomi dal maestro Tojama, che ho da poco scoperto essere molto simile Kriya yoga quello praticato da Gesù.

Ora tutto ha un sapore colore e aspetto diverso e non ho più preoccupazioni di bollette multe mutuo ecc.. , anche questa mattina andrò al parco è farò un esercizio di ripulitura prima dello yoga, raccogliendo carte e sporcizia e gettandole al cestino, associando ad ognuna un episodio negativo del passato e recitando Grazie, scusa ti prego, perdonami, ti amo.

Così facendo ripulisco ricordi negativi, e vivo in un eterno presente , l’unico tempo realmente esistente. Grazie Giovanna gioco veramente bellissimo.

Oreste
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

22) Esperienza ho’oponopono occidentale ogni cosa è un’opportunità

Stavo lavorando su un intervento live ed ero su un passaggio in cui spiegavo come i problemi sono in verità delle semplici opportunità anche per migliorare la nostra realtà materiale. Mi viene in mente che devo andare a prendere il pane così esco e nel frattempo prendo anche la posta…. bolletta dell’enel. Prima reazione ach! porc… è sempre salatissima!

Poi faccio mente locale e dico “sei scema?” E’ un’opportunità!

E’ l’opportunità di manifestare ricchezza… e comincio a ripetere grazie grazie grazie che è arrivata la bolletta… tutto il tempo che vado a prendere il pane e torno. 5 minuti in realtà… ma quando sono tornata ero davvero grata. Beh apro la bolletta ed è meno della metà del solito!

…il pensiero successivo è stato: Wow il prossimo passo sarà un rimborso… il giorno dopo l’unica busta in cassetta (oltre al numero di topolino) era un assegno di Amazon che non sapevo di aver maturato!

Giò

23) Testimonianze di ho’oponopono occidentale paura di non farcela

Un giorno mentre stavo facendo i capelli ad una cliente lei mi chiese come stesse andando la mia vita , mi uscì la frase: “ho paura, paura di non farcela”. Ovviamente non paura di non saper farle i capelli, ma paura di affrontare le prove della vita mantenere il lavoro stabile ….lei mi rispose… Luisa chiedi perdono e ringrazia, e io non sapevo cosa mi stesse dicendo …. mi diede il titolo di un libro da leggere …. finimmo lì senza troppe chiacchiere.

Passarono 2 giorni e vicino al negozio dove lavoro vidi una corteccia di un albero con all’interno scritto qualcosa mi avvicinai per leggere…..: ho’oponopono scusa perdono grazie ti amo … ecco mi resi conto che avevo appena avuto la risposta e di colpo mi è diventato tutto più chiaro , la mia vita sta cambiando le mie paure se ne stanno andando lasciando il posto alla serenità…..sono felice !!!

HO’OPONOPONO… SCUSA GRAZIE TI AMO!

Luisa

24) Esperienza ho’oponopono occidentale in sintonia dentro e fuori

In questi giorni ho ripreso in mano “Ho’oponopono occidentale” l’ho già consumato, ma ammetto che delle volte leggo talmente voracemente che poi non ricordo nulla, potrebbe essere un vantaggio, così leggo e rileggo, ed è sempre tutto nuovo, comunque stamattina mi imbatto in un esercizio consigliato dai miei amati autori del libro, dove viene suggerito di stamparsi un bel sorriso sul viso, e ripetere per almeno 7-8 minuti…(aimè non ricordo quanto, ma credo che poco importi)grazie ti amo, grazie ti amo…lo, so!

Lo so! non è una novità ma stamattina per me lo era, e così, via, eseguo e più ripeto grazie ti amo, più sorrido, e meglio mi sento…un crescendo!…sarà o non sarà, ma stamattina il mio negozietto ha lavorato come non succedeva da mesi e mesi…e poi ho visto la mia incazzosa madre, e non mi ha destabilizzata neanche un pochino… si, si, sto troppo bene…che dire? repetita iuvant! grazie ti amo grazie ti amo…fondamentale sorridere!

Carla
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

25) Testimonianze di ho’oponopono occidentale accettarsi

Continuando a combattere le mie paure e mai accettandole notavo che queste non cambiavano, anzi prendevano più forza perchè ero io stesso ad alimentarle…

Con l’aiuto di Ho’oponopono ho imparato ad accettare le mie paure come parte di me non più combattendole ma riconoscendole. Ora facendo costante pulizia tutti i giorni mi sto pian piano svuotando per lasciare il posto all’amore e alla gioia, non è facile lo so, ho avuto crisi di panico pazzesche dovute alla mia resistenza allo stato di confort ma so che sono sulla strada giusta! mi dispiace grazie ti amo!

Quando ho l’ansia o paura di qualcosa non faccio altro che ripetermi che sono un essere speciale e che merito tutto l’amore dell’universo!! Grazie

Fabio

26) Esperienza ho’oponopono occidentale un tumore alla pelle

Circa un mese fa diagnosticano alla mia mamma un tumore alla pelle del suo seno… ci mobilitiamo subito per fare accertamenti e analisi adeguate ed io inizio incessantemente a recitare il mantra, benedire la mia mamma, benedire il suo tumore (non è facile da accettare ma si può fare!!!) e benedire me stessa in quanto testimone di questo evento …. risultato: il medico dice a mia mamma che in fase di intervento probabilmente subirà lo svuotamento totale della mammella per scongiurare eventuali recidive!

Non demordo io invece in me stessa credo e sento che tutto andrà per il meglio, prego con la gioia nel cuore per questa possibilità di ripulirmi, di crescere, di cambiare la realtà.

L’altro ieri subisce l’intervento e io giù di mantra alla grandissima anche mentre parlavo con mio fratello, in mente, avevo il mantra in automatico!

Dopo due ore la mia mamma è in camera… togliamo il lenzuolo per pulirla dal disinfettante e vedo che il suo seno è tutto lì!
Giù a ringraziare e benedire… Non è stato necessario lo svuotamento…

Oggi la mia mamma esce dall’ospedale ed il decorso è luminoso e pieno di gioia!! scusate la “lungaggine” del post ma sentivo di farlo per voi per me e per Giovanna che incessantemente e con tenacia diffonde questa splendida tecnologia che è Ho’oponopono!

Pregate non implorate, non mendicate, siate sicuri nel vostro cuore che il miracolo avverrà!!! Questa è la mia testimonianza!! potrei dirvi una miriade di altri piccoli(se di piccoli si può parlare)miracoli che mi stanno “perseguitando” ihihihi in questo periodo e ringrazioringrazioringrazio ogni cosa è la miglior cosa…

Gabriella
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

27) Testimonianze di ho’oponopono occidentale i nuovi inquilini non hanno pace

Circa 3 mesi fa sono arrivati dei nuovi inquilini (una coppia) sul nostro pianerottolo … Fin dai primi giorni si sentivano discutere animatamente e da subito si è capito che in quell’alloggio non regnava la “pace”

… Alcune volte abbiamo teso l’orecchio nella paura di dover chiamare le forze dell’ordine ma, fortunatamente fino a quel momento si concludeva la discussione con noi (io e mia figlia di 16 anni) che recitavamo il mantra perchè responsabili a nostra volta di quella discussione.

Un giorno mia figlia mi chiama disperata al telefono e mi dice” mamma mamma qui sta succedendo un casino la sta picchiando sul pianerottolo ma lei non fugge lei resta lì… ho paura che succeda qualcosa di brutto” – le rispondo di tranquillizzarsi che sarei arrivata il prima possibile di non uscire di casa e recitare il mantra che io l’avrei fato con lei a distanza e chiesto l’intervento delle forze dell’ordine …

Non nascondo che in quel momento ero angosciata e in un primo momento mi sentivo completamente impotente. Il mantra era automatico completamente assolta nelle parole presi il cellulare per chiamare i carabinieri ma prima che componessi il numero squillò … era mia figlia che mi diceva che erano già intervenuti, qualcuno li aveva chiamati….

Ovviamente come capita molte volte in questi casi la signora non sporse denuncia e tutto si risolse con “è stata solo una discussione tra marito e moglie” … Il giorno dopo però il marito mi fermò sul pianerottolo e mi chiese perchè avevamo chiamato le forze dell’ordine (noi??) in un attimo capì che qualcosa non quadrava infatti la moglie arrivò sulla soglia e chiese al marito con gli occhi lucidi perchè mi aveva disturbato

…. mi guardava con la paura negli occhi di chi non sa reagire a una situazione grande … mentalmente continuavo a ripetere il mantra e spiegavo al marito che io non sapevo nulla e con lo sguardo cercavo di tranquillizzare la moglie….

il marito se ne andò ed io a quel punto sono riuscita solo a dire alla signora che se aveva bisogno per lei la porta si sarebbe sempre aperta e lei con le lacrime mi disse il suo “GRAZIE silenzioso” (aveva chiamato lei le forze dell’ordine ma aveva paura di dirlo al marito quindi aveva “inventato” che eravamo state noi)

…da quel giorno ogni volta che li sentivo o li vedevo il mantra partiva in automatico, dovevo ripulire, non mi piaceva essere responsabile di quella situazione ma l’accettavo, chiedevo scusa e ringraziavo.

Qualche giorno fa la signora ha chiamato nuovamente le forze dell’ordine, ha denunciato il marito e se ne è andata con le sue cose assieme ai carabinieri…. non vi nascondo che ho pianto di gioia. Ieri sera il marito mi ha suonato alla porta chiedendomi molto gentilmente un pacco di pasta perchè si era dimenticato di fare la spesa.

Barbara

28) Esperienza ho’oponopono occidentale con l’ansia

Oggi a alle tre la mia ansia era al culmine, i pensieri mi stavano per mangiare cuore a mille giornata nera. mi metto a letto recito il mantra ma intanto i pensieri non si fermano.

Insisto insisto insisto poi piano piano tutto si ridimensiona un barlume di gioia quasi mi fa sentire sciocca. mi alzo e decido che nulla importa. ho solo sbagliato io…. mi sento ingentilita e stasera arrivo al lavoro raggiante. Non è cambiato niente nella mia vita dalle tre… mi sono risolta da sola. conquista quotidiana che mi fa sentire invincibile intaccabile. Ho imparato leggendo voi. Mi dispiace perdonami GRAZIE ti amo

Tiziana
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

29) Testimonianze di ho’oponopono occidentale e le delusioni

Poco fa, mentre ero nel mio/nostro MONDO, ricevo una telefonata da una persona che mi ha molto delusa, ho visto chi era e in un primo momento ho pensato di non rispondere per evitare discussioni, ma poi il ditino è partito e la conversazione ha avuto inizio…

pochi minuti e si chiude la chiamata… stavo bene, sorridevo, la delusione era accantonata, d’istinto ho ringraziato e mi sono detta… “FUNZIONAAAAAAAAAAAAAAAA” …dopo un po’ la mente programmata mi ha cazziata, lì per lì stavo per crederle, “quella persona ti ha delusa e tu non dici nulla??”…già, la mente ha le sue ragioni ,ma cribbio, stavo con il sorriso stampato sul muso come una salama e le ho detto…”hai ragione, ma è successo prima di adesso, quindi pace, ora è così :-)) “

…che dici Giò, è tutto sotto controllo.  Scusa Grazie Ti Amo !

Samantha

30) Esperienza ho’oponopono occidentale sulla macchina acciaccata

Mi è successa un’altra cosa pazzesca oggi…. o sto diventando una maga (stordita dato che non capisco) o non so cosa pensare!

E’ circa un mese che penso che è ora che metta a posto la mia povera macchina che è tutta acciaccata e piena di botte! E’ vero che non me ne frega… ma poverina mi dispiace… fa un lavoro egregio e sembra che deva andare dal robivecchi da un momento all’altro!


L’altro giorno sulla strada del bosco andando a prendere il mio ragazzo a tennis mi è saltato su un sasso e mi ha fatto un bel bozzo su cofano! Ecco ho pensato… un’altra botta… povera disgraziata di macchina… devo metterla a posto… e mi sono anche chiesta perchè avessi preso quella botta nuova dato che energeticamente ero super serena e non c’era nessun ostacolo nella mia vita in quel momento… perfino mia mamma è tranquillina… però come il solito non ho fatto niente!


L’altra sera parlavo con mio marito e gli ho detto di darmi il nome della carrozzeria che volevo portare la macchina a fare un preventivo… e lui giustamente mi ha detto… dobbiamo fare due conti perchè è talmente vecchia.. non vale più niente anche spenderci più del suo valore non è un’operazione molto assennata…

E io gli ho detto che anche valesse 2000 euro e me ne chiedessero 3500 per metterla a posto… dove trovo un’altra macchina grande, affidabile e con le stesse caratteristiche a quei soldi? E lui mi dice che per metterla a posto ci avrebbero chiesto almeno quella cifra. Insomma alla fine rimandato ancora il problema!

Oggi finito in studio scendo a prendere la macchina nel garage sotterraneo e, senza nemmeno rendermene conto… BUMMMM in pieno facendo retromarcia addosso a una colonna di cemento… Un Macello!!! Paraurti davanti accartocciato, specchietto in frantumi e portiera sconquassata! Mi ha preso un’agitazione che non vi dico… mi veniva da piangere… che non è proprio da me… per una cosa materiale poi… forse avevo preso un po’ paura e quella è stata la reazione!

E anche lì ho cominciato a chiedermi più insistentemente, ma perchè, perchè? Poi ho benedetto la bellezza della situazione e ho chiesto all’universo di mostrarmela e sono andata su a cercare mio marito.

Insomma vado da lui e glielo dico, lui scende vede la macchina e si presentava talmente male povera che mi ha detto “ma come hai fatto?”

L’abbiamo portata in carrozzeria … ero tutta demoralizzata ma…  apriti cielo…. con 600 euro se va male male male me la fa nuova!

L’universo mi aveva dato l’avvertimento con la botticina… io l’ho ignorato… così BUMMM!

Ma nonostante tutto… nessun dolore… mi aspettavo di spendere 4000 euro per avere la macchina a posto e invece ne spenderò qualche centinaio…. ma se non ci si metteva LUI io ero ancora lì a rammaricarmi della mia macchina sconquassata… senza fare niente!


Cavolo… è pazzesco come tutto ha una ragione lapalissiana e come da tutto scaturisce solo bene, solo a lasciarlo venire fuori!

Giovanna
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

31) Testimonianze di ho’oponopono occidentale io pulisco e sto bene

Scusa, grazie, ti amo.

La prima volta pensai che fosse difficile da ricordare, ma poi chissà se funzionava veramente, mi dicevo.

Mi sono allontanata e avvicinata varie volte presa dalla mia voglia di capire, conoscere e imparare ma senza che fosse arrivato il momento giusto . Si, sono convinta che per ogni cosa ci sia un tempo di maturazione.

Anche The Secret la prima volta l’ho accantonato salvo poi riprenderlo un anno dopo e innamorarmene. Cosi con l’Ho’oponopono. Lo conoscevo da lontano e senza convinzione. Poi ho comperato Zero Limits e l’ho catalogato come la ” solita americanata”.

Senza accorgermi l’Ho’oponopono è entrato nella mia vita diventando uno stile di vita .

Senza troppi perchè : io pulisco e sto bene.

Non mi sono bendata gli occhi quindi i problemi li vedo ma so che è responsabilità mia e posso pulire. Ed io pulisco.

Pulisco per me ma intorno a me vedo più serenità, la mia famiglia sta meglio , mia figlia ha trovato lavoro ed è felice, è nato mio nipotino e l’altra mia figlia si è avvicinata a me come mai prima d’ora , la piccola nonostante l’adolescenza mi cerca quando sono via o e via lei e mi chiede consigli anche nel affrontare il suo rapporto con il ragazzo , mio figlio lavora a tempo indeterminato, mio marito è più sereno , il ristorante di mio genero ha triplicato il fatturato, sarà tutto un caso, qualcuno mi ha detto che credo nelle favole ma io sono felice e continuo a pulire senza pormi troppe domande .

Grazie Joe Vitale e grazie Giovanna Garbuio perchè senza di te non sarei arrivata a questo punto tu hai fatto la differenza in questo mio percorso

Cerasella
testimonianze di ho'oponopono

32) Esperienza ho’oponopono occidentale sulla febbre

Conferme su conferme!!

Qualche notte fa con tre cicli di DynaMind, fatti su di me naturalmente, ma indirizzati a mio figlio, sono riuscita a fargli normalizzare la temperatura che era in stallo sui 38/38e 1/2,facendolo smaniare, poverino!

Ho fatto 2 cicli da tre ripetizioni…dopo 10 minuti ha iniziato a sudare tantissimo ed ha poi riposato benissimo senza avere più ricadute…il suo corpo si è liberato naturalmente della febbre!!! Meraviglioso!!! E senza Tachipirina… se no non vale ahahahah

Graziella
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

33) Testimonianze di ho’oponopono occidentale sui pensieri angoscianti

Conosco ho’oponopono da quasi due anni; all’inizio lo praticavo sporadicamente e con poca convinzione, ma evidentemente quella poca convinzione che ci mettevo era più che sufficiente per iniziare almeno ad aprire le finestre del mio cuore e della mia mente bloccati da una vita intera.

Ma di questo non me ne rendevo conto nel modo più assoluto se non che, pur con tanta diffidenza nella mente, sentivo nel cuore di non poter fare a meno di recitare il mantra. Come se la radice di una piantina che vive in un terreno arido, istintivamente cresce e corre nella direzione di una fonte d’acqua senza che nessuno l’abbia forzata o le abbia scavato il percorso: la radice sente dove può trovare il suo nutrimento e va.

E’ stato così che senza nemmeno rendermene conto, il mio animo tormentato da tutta la vita ha cominciato a placarsi; nel momento in cui l’energia di certi pensieri angoscianti andavano via via abbassando la loro intensità, gli occhi mi si aprivano in un mondo nuovo, diverso … bellissimo. La mia vita non stava cambiando, ma io sì ! Che pace … che serenità !

Ma aimè, a volte certi tarli sono più difficili da eliminare definitivamente e così succede che possono ricomparire. Negli ultimi due mesi la mia mente è stata di nuovo messa a dura prova da alcuni avvenimenti che una volta mi avrebbero sconvolta (evidentemente gli ultimi colpi di coda di situazioni create da me … dal mio passato pessimismo).

Ma come un bravo capitano tiene fermo il timone della sua nave nonostante il mare sia in burrasca così, continuando a ringraziare e amando e amandomi, sono uscita ancora una volta indenne dal mare in tempesta creato da me. Ancora una volta GRAZIE ho’oponopono!

Rebecca
Gli altri con Ho'oponopono

34) Esperienza ho’oponopono occidentale su un oggetto prezioso

Ieri sono andata a casa mia al mare con mia mamma per portare alcune cose e per vedere se aveva lasciato la un oggetto prezioso……abbiamo cercato ma non abbiamo trovato nulla con grande dispiacere da parte di mia mamma…siamo tornate a casa ed abbiamo cercato ancora ma nulla………

Poi mia mamma è uscita e mentre io stavo aspettando mia sorella ho recitato il mantra… Ed ho avuto un ispirazione : guardare dentro alla borsa verde da spiaggia (notare che non sapevo dov’era e poteva essere che era stata lasciata al mare) vado in camera ..la trovo e dentro c’era l’anello tanto cercato!!! SCUSA GRAZIE TI AMO!

Lorena
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

35) Testimonianze di ho’oponopono occidentale dritto come un treno

oh Giò quante risposte sto ricevendo per ogni mia domanda precedente ad Ho’Oponopono Occidentale!!!….

Ho capito FINALMENTE perchè il mio forte (solo di carattere perchè in realtà era uno scricciolo!!) e iracondo nonnino (ora non c’è più!!) che mangiava tutti i giorni pasta e carne e fumava come un turco fino ad 80 anni è vissuto fino alla bellissima età di 95…senza nessun problema di salute…grave(certo un po’ di acciacchi ma vuoi mettere?!!!) lui ha sempre seguito il suo cuore…

non si è lasciato mai influenzare dalle mode alimentari, dalle cure improbabili!!!

E’ sempre andato dritto come un treno!!! sai cosa ci disse il cardiologo quando fece una visita di controllo? rivolto alla mia mamma disse…signora, suo padre ha avuto due infarti ma non ve ne siete mai accorti? e noi….no!!! ma quando?…e lui… un pò di tempo fa!!!

woooowww la forza autoguaritrice del nostro corpo, quando l’anima è nel suo percorso, fa il miracolo!!!…e poi ci rimaniamo male quando un giovane 30enne muore di tumore al fegato ed era un supervegetariano, faceva 20Km al giorno di corsa campestre e non aveva mai fumato una sigaretta in vita sua….magari faceva il tutto controvoglia…perchè sapeva o insisteva su se stesso a dirsi…

DEVO fare così perchè così campo 100 anni!!! Devo mangiare solo vegetali crudi e blablabla in barba alla sua anima che gli urlava di smetterla che non ne poteva più!!!

…sempre e comunque tutto è perfetto così com’è!! grazietiamo!! …ti nomino ufficialmente la mia personal portatrice di “verità” dove per verità intendo la tua personale verità che mi risuona dentro come se fosse mia e sperimentandola scopro che è anche la mia!! non c’è guru, non c’è detentore di verità assolute ma la pura e semplice sperimentazione di ciò che sentiamo più utile e Amorevole per noi!!!

senza nulla togliere, naturalmente, ai vegetariani e non…..l’importante che si sia felici dentro per ciò che si fa e non fare le cose perchè è per moda o perchè lo ha detto il dott.Tal dei tali….naturalmente se vai da un medico e lui prescrive delle cure ci si affida alle cure ed è logico poi seguirle….ah e sai che penso? che se tutti ascoltassimo il nostro cuore saremmo tutti degli Highlander!

Gabriella

36) Esperienza ho’oponopono occidentale su la scolecifobia

Un altro piccolo grande miracolo che io attribuisco nel modo più assoluto ad Ho’oponopono. Uno degli sfoghi della mia EX ultraventennale depressione è stata la fobia e in particolare la scolecifobia (paura dei vermi compreso farfalle e lumache). Il solo sentirli nominare mi provocava panico totale con conseguenti crisi di nervi se non svenimenti, aritmie cardiache ecc ecc e quando li vedevo era finita la pace per me e per chi mi stava a fianco.

A casa mia non esisteva frutta né verdura; campagna, fiori alberi o anche solo piante da appartamento … un incubo. Nemmeno nelle fotografie potevo vederli …

Quando ho iniziato a capire come funzionava il mantra, erano talmente tante le cose da sistemare dentro di me da non sapere nemmeno da che parte cominciare per prima, così inizialmente chiedevo alla Mia Divinità di permettermi in qualche modo di stare meglio … così… senza niente di mirato in particolare.

Tempo fa mi è capitato di vedere per la prima volta delle lumache in una pubblicità e la cosa strana è che io le guardavo senza provare niente ma anche senza rendermi bene conto di questo mio cambiamento se non che l’altro giorno ho visto un chiara bella immagine su face book di un verme (mio ex nemico numero 1) e dopo un primo sobbalzo e istinto a girare pagina, mi sono volutamente fermata e vista la mia strana serenità, ho proprio voluto osservarlo bene …

l’ho guardato, ho toccato lo schermo e ho pianto ma stavolta non di paura, ho sentito uno strano calore nel petto, e ho sentito che in qualche modo faceva parte di me e gli ho voluto bene.

Mai successo in 30 anni. Non so cosa succederà quando ne vedrò uno dal vivo ma … io non ho più paura. Grazie ho’oponopono.

Silvia
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

37) Testimonianze di ho’oponopono occidentale sulle RiBa

Piccola grande testimonianza: sono in difficoltà a pagare una Riba col conto ditta e inizio a fare conti su conti per vedere di farli quadrare prima della scadenza… ma i conti non tornano… mi sale l ansia ma poi penso no !

Cavoli è tutto ok in qualche modo ce la farò e lascio andare …mi chiama una cliente in ritardo coi pagamenti e mi dice che domani fa il bonifico ..evvvaiiii !!

Vado in banca a vedere quando sarebbe arrivata la valuta e per un giorno …non ci stiamo dentro !!! Ok penso ce la farò lo stesso

…la cassiera mi dice : ce la puoi fare solo se la cliente ha il conto nella stessa banca…ma io non lo so ..indovinate chi incontro in fila allo sportello appena mi alzo per uscire ???? La mia clienteeeee!!!!

…che mi conferma che ha il conto li anche lei !!!! Grazie grazie grazie grazie !!! Ti amo mi dispiace ti prego perdonami GRAZIEEEEEEE

Lorena
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

38) Esperienza ho’oponopono occidentale sulla benzina

Questa sera prove canto… Ero in ritardo… Serbatoio auto vuoto… Mi fermo in tre distributori, due chiusi, il terzo non prendeva bancoposta… Ore 19,35… Mi tranquillizzo recito il mantra svolto l’angolo distributore aperto… Benzinaio super gentile e solare anche se self mi mette lui il gasolio ….Pago con il bancoposta… e che faccio??? Ringrazio!

Marina

39) Testimonianze di ho’oponopono occidentale come spettatrice

Sono io? È ho-oponopono? E’ il Divino?

Non so, so solo che mi sento fluida, positiva, tutto mi è avverso, ma è per vedere il più positivo possibile! Subito vado in ansia, mi agito, parlo con persone immaginarie come se chi mi attaccasse fosse lì davanti a me e poi???

Poi respiro, zittisco la ragione e incomincio a recitare il mantra pensando a me, alle persone coinvolte, alle situazioni e vedo le cose da prospettive diverse.  Che le avversioni sono apparenti e che porteranno di sicuro qualcosa di buono e bello. Mi sento sempre di più allineata… anzi già allineata solo che ho paura a dirlo e a credere.

Sono pronta, sta mattina mi sono addormenta intorno alle 5 passate e quando ho chiuso gli occhi ho volato! Sono saltata nel vuoto, tutta aperta (gambe e braccia) e ho anche fatto delle capriole e poi non ricordo nulla.
Non ho paura. Non ho timore di fare valere la mia parola e se non mi si crede (sempre che mi si voglia ascoltare) non è problema mio.

Sì siamo tutto uno e responsabili ognuno degli altri esseri che gravitano nella propria vita, ma se non accetti o non si è pronti al cambiamento altrui, allontanati non siamo mica uniti con la colla… poi se anche l’Altro cambierà ci si rincontrerà! Ora guardo come spettatrice ciò che accade (perché è vero sono andata avanti… so – sento – cosa accadrà) e mi dispiace per loro, per chi viene travolto da questo cambiamento e vorrei dire “te lo avevo detto”

Oppure se si faceva così potevamo evitare ma poi dico che sarebbe solo soddisfazione mia personale perchè come non lo ero io nemmeno gli altri erano pronti; invece ora tutto scorre, tutto è comprensibile, è illuminato e non pesa. Ora devo lavorare sulla mia ansia da attesa: nel sonno io vado nel mio futuro e anche se non ricordo nulla al risveglio oltre essere stanca perchè devo passare tra i cocci, le macerie sono serena, calma perchè so che oltre c’è l’Eden.

Ma la ragione, la razionalità vorrebbe esserci già x poi lamentarsi che tutto fa schifo e convincerti a non essere grato di tutto ciò che si ha. Materiale e spirituale.

Benedetta
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

40) Esperienza ho’oponopono occidentale sull’appuntamento dimenticato

Avevo un appuntamento con un tizio alle 17,30… come il mio solito mi sono dimenticata! Mi è venuto in mente alle 19,00…. porca paletta! Cosa gli dico adesso… E va bè mi sono dimenticata, gli dico che mi sono dimenticata … Speriamo che sia di buon umore…

Lo chiamo non risponde… occavolo! Cosa gli dico… cosa gli dico… e in automatico è partito il mantra…. dieci minuti di mantra serrato…

Speravo mi venisse in mente qualcosa di adeguato da dire… Dopo altri dieci minuti lui evidentemente vede la mia chiamata e mi richiama… Non mi lascia nemmeno parlare e mi dice subito “Giò… scusa non so come farmi perdonare… ma mi sono dimenticato dell’appuntamento”…. ALE’!

Giò
Testimonianze e esperienze di ho'oponopono

41) Testimonianze di ho’oponopono occidentale sul lavoro

Miracoli dell’Ho’oponopono (chi vuole può pure chiamarle coincidenze , io le adoro queste ” coincidenze”). Mia figlia (la seconda) lavorava da 2 anni in un posto dove era sfruttata, mal pagata e soprattutto quasi mai pagata o se veniva pagata era con ticket .

Lei ha sempre sostenuto di essere “sfigata” e non c’era verso per convincerla. Ha trovato la forza di andarsene da quel posto ma per 3 mesi non trovava lavoro .

La depressione era in agguato. Io ho iniziato a recitare l’Ho’oponopono e un giorno l’hanno chiamata per un colloquio. L’hanno presa a tempo determinato per 3 mesi con rinnovo fino a ottobre e oggi le hanno comunicato che DIVENTA RESPONSABILE E VA A PIACENZA PER SEGUIRE L’APERTURA DI UN NUOVO POSTO DELLA STESSA CATENA CON VITTO, ALLOGGIO, STIPENDIO, TRASFERTA

………IO AMO HO’OPONOPONO il tutto in meno di 6 mesi (inutile dire che il contratto diventa a tempo indeterminato dal giorno che va a Piacenza cioè il 27 settembre).

Non é da molto che pratico Ho’oponopono, ma devo dire che sono già cambiate diverse cose. Riesco a guardare le persone per ciò che sono, andando oltre le loro barriere psichiche.

Comprendo che molte delle cose che non sopporto in loro sono atteggiamenti che io stessa ho avuto in passato o parti di me che ancora non accetto. Mi amo e mi rispetto, a volte tendo a ricadere nei vecchi schemi ma tengo duro perché so già cosa mi aspetta indietro.

Invece non so cosa mi attende davanti, ma é ciò che desidero scoprire. Ho capito che un sogno ce l’ho anche io, che per sentirsi importanti non c’é bisogno di fare cose straordinarie…anzi, spesso le persone più speciali fanno cose ordinarie in modo straordinario ed é questo a renderle uniche.

Se si riesce a regalare anche solo un sorriso ci si può considerare speciali! In queste ultime settimane mi sono riscoperta tale, perché sto sostenendo più che posso mia mamma in un momento di prova terrena che riguarda la sua salute.

So che ne uscirà vincente, anche perché abbiamo un progetto da realizzare assieme e ora più che mai lo sento così vicino e importante. Volevo ringraziare l’ Universo per avermi fatto entrare qui dentro …ma so che niente é per caso!

Cerasella
Pulizia Ho'oponopono

42) Esperienza ho’oponopono occidentale con il taglio delle corde aka

Aloha cara Gio, desidero innanzitutto ringraziarti per le due giornate colme di significato per me e per la mia anima. Ho’ oponopono ha risvegliato in me memorie forti e pregne di significato.  Voglio testimoniarti l”efficacia del taglio delle corde Aka.

Con il taglio  che abbiamo messo in atto domenica ho incredibilmente risolto un conflitto con mia figlia, che durava ormai da moltissimo tempo. Per la prima volta sono in grado di capire con il cuore e la mente in coerenza come dici tu, che e’ giusto cosi’, esattamente cosi’ com’e’.

Ho sperimentato l’efficacia del taglio delle corde Aka   e ho smesso di tormentarmi con vane interpretazioni e inutili aspettative. Sappi che e’ da tempo che lavoro su questo “groppo” e solo con Ho’oponopono ho raggiunto la serenita’ interiore che mi permette di sentirmi libera. Grazie! In questi giorni ho avuto dei sintomi fisici. Il ginocchio che si faceva sentire e anche la coscia destra.

Mi sono ripromessa che andro’ a vedere in meta medicina il significato di ginocchio e di coscia, tanto per gradire. Ma ho anche deciso di accettare che siano sintomi di riequilibrio e di guarigione, di energie acquisite durante il fantastico seminario con tante belle anime. Ora, quando guardo il mondo, lo vedo con dei colori nuovi e stupefacenti.

Anche prima, a volte mi sentivo così connessa e in pace con me stessa, da vedere questi colori, questa luce particolare, questo scintillare. Ora e’ da sabato che vivo in questa beata “coloritudine”.

Ieri ho avuto una riunione di lavoro e siccome emergevano dei conflitti, mi sono permessa di dire che per risolvere ogni conflitto, si vive Pono e che con l’amore si arriva a dei risultati nettamente superiori ed efficaci.

Mi hanno guardata un po’ di traverso, ma ti garantisco che da quel momento l’energia della sala e’ cambiata radicalmente. La parola “efficace” ha fatto da chiave di volta. Per cui grazie per essere l’ambasciatrice di questa saggezza antica, semplice ed efficace.

Tu sei diretta, semplice e autentica. E di questi tempi, dove i “guru” si rendono un po’ ermetici per creare un’allure di mistero e di saggezza attorno a loro, la semplicita’ e’ come un faro che illumina il buio. Percio’ grazie di essere esattamente come sei, perfetta nella tua umanita’.

Mi sono innamorata profondamente e irreversibilmente di questa saggezza, dell’Ho’ oponopono, che mi calza come un abito cucito su misura. Quanta bellezza in questa grande semplicita’.

Grazie di cuore cara Gio’, per essere Pono e per spiegare come esserlo. Essere Pono mi permette di accogliere tutte le persone, che verranno da me per un viaggio nell’anima, senza riserve e senza giudizio. Perché tutto e’ perfetto, esattamente cosi’ com’e’.

Quanta bellezza e quanta ricchezza in questa verita’. Grazie! Ti invio un grandissimo abbraccio di Luce, Amore, bellezza e gratitudine. Con la tua Luce, cara Gio’, illumini il mondo. Mahalo Nui Loa”

Roberta
testimonianze di ho'oponopono

43) Testimonianze ho’oponopono occidentale per tirare fuori il nostro meglio

Parlo con Te. Con te che ti stai ritrovando ancora una volta con le ginocchia a terra. Con te che ancora una volta sei stato ferito nel tuo punto debole. Così forte da rimanere piegato in due senza fiato. Come quando un pugno ti colpisce in pieno petto quando meno te lo aspetti.

Parlo con te che cerchi un motivo, una spiegazione qualunque, che ti faccia capire perché le cose sono andate così. Chi ha sbagliato, dove, perché.

E cercando provi rabbia, disperazione, delusione, magari desiderando giustizia o vendetta. Che ti procurerà sì forse del sollievo … ma un sollievo falso, effimero.

Tu forse in questo momento non sai, non ricordi. Non ricordi che ogni persona e ogni situazione ha un ruolo, uno scopo nella vita di ciascuno di noi.

Quello di farci tirare fuori il nostro meglio o il nostro peggio. Sì! Ogni persona, ogni situazione ha un ruolo, uno scopo.  Ma non ha nessun potere. Il potere è il nostro.

Tu forse in questo momento non lo sai, non ricordi che puoi scegliere. Puoi scegliere di tirare fuori il peggio di te cercando brevi consolazioni. Ma rimanendo piegato nella sofferenza. O puoi scegliere di tirare fuori il meglio di te. E rialzarti.

Devi sapere che nel momento in cui non ti interesserà più capire o avere ragione, comprenderai che ti è stato fatto un dono grandissimo. Nel momento in cui realizzerai il ruolo che ha avuto la tale persona o la tale situazione, non proverai più alcun rancore.

Nel momento in cui deciderai di non piegarti alla sofferenza e sceglierai di continuare ad amare, ecco! Quello è il momento in cui riaccenderai la Stella che Tu Sei e tornerai a risplendere sempre di più.

Perché ricorda … Tu sei una Stella. E le Stelle non brillano nella sofferenza e nel rancore. Le Stelle Brillano nella Luce dell’Amore!

Rita Caserta

44) Esperienza ho’oponopono occidentale la mia vita è cambiata

Premetto che non pratico l’ho’oponopono ma volevo solo raccontare la mia storia.

Anni fa ero sempre giù di morale, non ridevo mai, c’erano persone la cui sola vista mi irritava.

Capisco che se a casa mia è arrivato 3 anni fa un DVD che parlava dell’Ho’oponopono (prestato da un amico del mio ex marito) non è stato un caso… L’ho visto ma ci ho capito ben poco. Ma qualcosa mi ha spinto a cercare informazioni sul web.

Così trovai una pagina dove si spiegava in maniera molto elementare i concetti di base.

Ecco… io non so cosa è accaduto, ma da allora la mia vita è cambiata. Ho iniziato ad accettare la presenza di alcune persone e mi sono guardata allo specchio prendendo coscienza che dovevo cambiare atteggiamento.

Mi sono data 3 propositi: tornare in forma, trovare un lavoro, trovare l’amore… Ebbene entro un anno avevo soddisfatto tutti e tre i miei obiettivi.

Da allora non ho letto più nulla riguardo le tecniche dell’Ho’oponopono ma ho conosciuto persone che facevano percorsi empirici e ciò mi ha stuzzicato la curiosità e portato a leggere qualche libro su legge di attrazione, fisica quantistica e l’ultimo che sto “divorando” da 2 giorni “Zero Limits“.

Quindi adesso sento che devo approfondire perché la mia vita si trova in un momento di stallo e so che se non cambia qualcosa in me …nulla si sbloccherà.

Maria

impronte

45) Testimonianze ho’oponopono occidentale sulle code in ospedale

Ok adesso racconto una cosa io…. Stupefatta per dire…

Vado in ospedale perche’ mia mamma deve fare due esami importanti, urinocultura per un intervento al rene e un esame del sangue. Pprendo il nr 44 per fare la fila per vidimare le richieste e intanto mi reco al laboratorio analisi per fare sedere mia mamma.

Anche lì un altro nr per mettersi in fila e prendiamo il 12…..

Torno a fare la fila allo sportello per vidimare le richieste… nella mia mente inizia ho’oponopono ScusaGrazieTiAmo

Dopo un po’ un signore accanto mi dice: “vuole questo nr che non mi serve?” Guardo il nr è 39 per cui anticipo i tempi per lo sportello. Ringrazio e intanto continuo ho’oponopono…

Arrivo allo sportello e per un problema non mi vogliono vistare le richieste… Ok torno al laboratorio per dirlo a mamma, arrivo nel momento che la chiamano, ma entro e spiego al dottore che non ho le richieste vidimate e spiego il motivo. Il medico mi guarda, pensa un solo istante e dice: “signora si accomodi le facciamo comunque gli esami…

Scusa Grazie Ti Amo Scusa Grazie ti Amo Scusa Grazie Ti Amo… all’infinito!

Mariolina

46) Esperienza ho’oponopono occidentale sulle sigarette

Ho cominciato a fumare a 19 anni. Negli anni ho smesso di fumare credo 100 volte e dopo un po’ riprendevo sempre con mille sensi di colpa, di nascosto. Piuttosto uscivo senza trucco, ma non senza sigarette.

Premetto che corro, faccio nuoto… insomma una vita attiva e piena con quel vizio che tanto mi dà fastidio in me e negli altri!

Si mi danno pure fastidio i fumatori perché puzzano!

Una sera ho deciso (mentre fumavo di nascosto ) di andar di mantra con le sigarette ho proseguito per un po’…..tipo 3/4 giorni poi basta.
bene… Non fumo credo da 5 mesi. ….è non mi danno fastidio i fumatori, il tutto senza sforzo… scusagrazietiamo

Consuelo

47) Testimonianze Ho’oponopono occidentale sulla potenza del mantra

Esattamente 15 anni fa (ottobre 2004) ebbi una reazione allergica che mi fece perdere i sensi e, soprattutto, mi rese incosciente per alcuni minuti, non so quanti.

Ero dal mio medico quindi subito lui con gli altri medici dello studio, mi hanno rianimata. Mentre ero incosciente, come tanti raccontano, uscii dal mio corpo.

Non vidi nessuna luce abbagliante, ma mi sentivo, anzi ero, sospesa, molto leggera… ero una nuvola.

Di quel momento ricordo le voci dei medici che mi chiamavano ma soprattutto ricordo il fastidio che mi davano quando chiamavano il mio nome… Perché io ero lì sospesa, in una pace assoluta e ci stavo bene. La pace assoluta che ho provato in quei momenti non era una pace terrena…era davvero il paradiso.

Non volevo tornare… ma, a quanto pare, sono di nuovo qui.

Racconto questo perché a volte leggo di persone che non hanno fiducia nel mantra… posso dirvi con assoluta certezza, invece, di farlo e di avere fiducia perché in questi 15 anni solo il mantra mi sta dando tanta serenità e pace interiore, che mi fa sentire come se fossi di nuovo quella nuvola. Eppure sono in un momento difficile ma recitando il mantra mi accorgo di essere felice… e serena.

Tutti abbiamo la nostra anima (o come si chiama) che ci guida, se solo siamo capaci di ascoltarla.

Marina

impronte

48) Esperienza Ho’oponopono occidentale sul ritardo aereo

Ieri ero con gli amici a Barcellona… Rientro in serata a tutti i costi! Era tardissimo e il pensiero negativo di tutti era che non ce l’avremmo mai fatta. Ho recitato il mantra mentre loro non ci credevano più. Morale: abbiamo preso l’aereo che era in ritardo con l’imbarco

Scusa Grazie Ti Amo

Lina

49) Testimonianze Ho’oponopono occidentale sulla mia malattia

Tre anni fa mi diagnosticarono un tumore al midollo e una malformazione congenita del midollo stesso, con regressione neurologica. Tanto che la clinica che mi aveva in cura si era chiesta come facevo ancora a camminare.

L’operazione fu devastante (e unica al mondo) e il post operatorio pure. La riabilitazione (ancora oggi soffro di dolori neuropatici considerati cronici) lenta e snervante.

Ma proprio in quel periodo conobbi Ho’oponopono grazie a un libro di Giovanna. Sentii questa tecnologia, questo modo di vivere e interpretare la vita e gli eventi subito miei e furono la mia salvezza….

Coltivai questa pratica nel mio cuore, e cambiai tuttala mia vita. Ruppi il fidanzamento con l’uomo con cui vivevo da 3 anni, persi il lavoro e mi ritrasferii a casa dei miei dopo 20 anni che vivevo sola…

Con la pratica costante però iniziai a riscoprire i miei talenti che avevo col tempo perso per strada cioè dipingere … Riiniziai pian piano a riprendere colori e pennello in mano ogni tanto, poi sempre più frequentemente…

Ad oggi ho buttato 3/4 dei medicinali perchè dipingere e praticare sport (cosa che mi avevano quasi proibito) mi stanno guarendo pian piano.

Ci è voluto coraggio non lo nego, ma proprio grazie a questa malattia ho aperto gli occhi rispetto allo scopo della mia vita, alla mia vera identità, a ciò che mi fa stare bene e che quando lo faccio il tempo, il dolore svaniscono all’istante!

Essendo di origini Hawaiiane (mio papà è di O’Ahu) e molti i miei parenti abitano a Sunset Beach, un giorno guardando delle foto che mi avevano spedito ho avuto l’ispirazione di dipingere l’acqua in particolar modo le onde del Pacifico … All’inizio è stato un pochino difficile perchè immedesimarsi nel movimento dell’acqua, nei contrasti di chiaro scuro, le increspature e le trasparenze non avendole mai viste, non è semplice. Ma adesso il pennello è come se si muovesse da solo e mi ripulisse di ricordi e memorie… BELLISSIMO!

Gloria

50) Esperienza Ho’oponopono la mia vita è cambiata

Ricordi del passato (memorie da pulire) e miracoli dell’Ho’oponopono.

L’anno scorso il mio ex marito ha fatto la voltura del contratto del gas a nome suo. Per oltre un anno non sono arrivate le bollette nonostante si suoi solleciti. Ad un certo punto sono arrivate tutte insieme con importi anche di 800 euro da pagare a distanza di pochi giorni per un totale di oltre 3000 euro.

Mio marito è andato a chiedere la dilazione, ma gli hanno detto che non era possibile. Nel frattempo lui ha iniziato a pagare circa 700 euro, ma era impossibile mantenere le loro scadenze e quindi lui ha puntualmente ribadito ma gli hanno detto di non preoccuparsi. Oggi mi chiama mia figlia sconvolta dicendomi che era stato portato via il contatore ed il padre era distrutto (premetto che lui non lavora da quasi un anno quindi poveretto ce la sta mettendo tutta per pagare).

Mi ha chiesto di non dire nulla a lui, ma era molto preoccupata.

Per un attimo mi sono sentita morire, avevo voglia di piangere e tutta la negatività del mondo pareva mi stesse avvolgendo.

Mi sono accorta subito e ho cominciato a recitare Scusa Grazie Ti Amo, consapevole che erano memorie mie vecchie da ripulire, responsabilità mia (non colpa).

Ho chiamato lui e gli ho detto di venire da me per provare ad aiutarlo. Ho telefonato e una signorina mi ha detto che era stato staccato il gas a causa di 3 bollette per un totale di 179 euro.

Abbiamo gioito (temevamo volessero l’importo totale quindi oltre 2000 euro) e presi i dati giusti dalla signorina per pagare in un’unica soluzione e riavere la fornitura, lui corre dal tabaccaio a pagare .

Mentre era lì io continuavo a recitare il mantra, ma dopo un po’ mi telefona e davvero smarrito e stanco mi dice: nulla da fare ha sbagliato la signorina, non sono riuscito a pagare perchè il codice era errato.

Ho ritelefonato quindi mi hanno detto che dovevo pagare almeno 800 euro subito altrimenti niente riallaccio del gas.

Gli dico di tornare da me e inizio a ripetermi che nel mio mondo tutto è perfetto e ripeto il mnatra in continuazione.

Lui mi dice di lasciar perdere che avrebbe cercato lui una soluzione, ma io decido di richiamare. Mi risponde una signorina e ricade la linea dopo 3 minuti mentre stavo spiegando, richiamo nuovamente e

MIRACOLO !!! Un ragazzo mi ascolta, mi chiede il numero e mi dice che sente l’amministrazione e mi richiama.

Dopo poco richiama e mi spiega che si l’errore c’è stato, ma perchè in realtà una delle bollette “incriminate” era già stata pagata nel frattempo, quindi il distacco era per soli 96 euro, di conseguenza una volta pagati quelli avrebbero riallacciato subito il gas e avrebbero fatto una VERA dilazione in quanto risultavano le nostre telefonate per sollecitare le bollette e quindi ovviamente non potevano pretendere 3000 euro in giro di un mese.

Mi veniva da piangere dalla felicità mentre il ragazzo parlava ….che dire altro??? Abbiamo davvero una bacchetta magica tra le mani , basta sapere che sta andando tutto nella direzione giusta.

impronte

51) Testimonianze Ho’oponopono occidentale sulla vita

Era il 2014 quando, dopo un periodo difficile (avevo chiuso la mia società, perso miglia di euro, i miei figli non mi parlavano più, la mia compagna mi aveva lasciato ed avevo problemi di dipendenza da farmaci) sono salito in macchina e ho schiacciato l’accelleratore al massimo, ho chiuso e via.

Dio però aveva altri progetti e mi ha fatto urtare un albero, che ha rallentato la corsa finendo poi addosso ad un auto in sosta.

Ho distrutto due macchine me sono uscito quasi illeso: qualche punto sullo zigomo, un po’ di ematomi e un braccio rotto.

Sono caduto in depressione, sono stato ricoverato in un reparto psichiatrico perchè avevo affeto da mania suicida.

Era gennaio del 2015 quando mi hanno consigliato di leggere, “Ho’oponopono occidentale“.

Da quel momento tutto è cambiato. Tutte le mie sensazioni, le mie teorie e la mia filosofia, sono diventate di nuovo le mie fonti di vita.

Ho sempre parlato di Amore, anche ad alta voce da solo. Ho sempre parlato molto con me stesso, alle cose, agli animali e anche alle persone. Finalmente non mi sentivo più diverso perchè tutto trovava una spiegazione che avevo sempre sentito nel cuore. Scusa Grazie Ti Amo da allora è diventata la mia fonte sana di Luce, Amore e Pace.

Oggi sono un uomo diverso, mi sono e mi sto togliendo tutte le catene per diventare un uomo libero.

I miei dolori ho imparato a condividerli ed accettarli riempiendoli di tutto l’Amore che ho dentro. Adoro i miei figli e sono di nuovo circondato dal loro Amore. Parliamo e condividiamo tutto. Mi sento di nuovo un buon padre. Oggi ho di nuovo il mio ufficio ed una donna che mi ama.

Un consiglio per tutti noi è di credere ed avere fede il potere è dentro di Noi. La luce è in Me. Ti Amo, Vi Amo e Mi Amo.

Gianluca

52) Esperienza Ho’oponopono occidentale sulla mia titolare

E’ vero… Se cambiamo il nostro atteggiamento mentale e di conseguenza il nostro modo di porci verso gli altri, tutto cambia.

Lavoro da 4 anni in una ditta e non ho mai sopportato la mia titolare. Eppure è sempre allegra, positiva, disponibile.

Io però non l’ho mai sopportata “a pelle”, tanto da essere sempre nervosa anche a casa prima di andare al lavoro e dopo.

Poi ho cominciato a leggere due libri in particolare “Ho’oponopono occidentale” e “Ricomincio da me” e a recitare il mantra. Il mantra mi ha regalato serenità e lucidità mentre leggendo i libri ho cominciato a guardarmi dentro e a vedere dove sbagliavo.

Ho capito che non è lei come persona che non sopporto, ma sono i ricordi del mio passato che lei, con i suoi modi di fare, di parlare, di criticare ecc. mi riporta alla mente.

Capito questo ho cominciato a pormi in modo diverso anche nei suoi confronti… Più serena, senza pregiudizi e ad entrare in ufficio con il sorriso invece che con le pistole puntate…

Ed oggi, per la prima volta in 4 anni abbiamo passato tutta la mattina a ridere! Non posso crederci.

Spero di riuscire a fare lo stesso anche per il resto della mia vita visto che è ancora tutto intrecciato e bloccato… Ma sono contenta perché sto capendo tante cose che prima non prendevo neanche in considerazione. Puntavo il dito e basta. Ora mi metto in discussione sul serio…

Il passato dobbiamo lasciarlo andare davvero, perché a volte pensiamo di averlo fatto ma in realtà è sempre lì, anche nelle piccole cose finchè non ripuliamo tutto per bene… SCUSAGRAZIETIAMO!

Marina

53) Testimonianze Ho’oponopono occidentale sull’Amore

Ho’oponopono sgombra il campo all’Amore.

Mai avrei immaginato che un tale miracolo accadesse nella mia vita. La fede e la centratura fanno in modo che ciò che vibra alla nostra stessa frequenza diventi evidente.

La mia vita si è ribaltata nel giro di un paio di mesi, ondate d’Amore, emozioni travolgenti, paura da un lato, ma anche tanta, tanta, tanta gratitudine dall’altro.

A questo punto lascio che l’universo continui a stupirmi….

Simona

impronte

54) Esperienza Ho’oponopono occidentale per provare Amore per me stessa

Ho’oponopono è una pratica individuale. Come la meditazione, la recitazione di mantra, la preghiera. Certo che si può fare insieme, ma rimane comunque una pratica che serve per cambiare le proprie energie.

 Chiedere Luce si può, ma a mio parere serve come un abbraccio per sentire il bene altrui. Resta il fatto che praticare preghiera, in qualsiasi forma lo si faccia, è la più grande forma di Amore per sé stessi ed è l’unica via davvero efficace per stare bene.

Il trovarsi in stato di bisogno dell’aiuto altrui é il segno che dobbiamo ancora lavorare forte su noi stessi, fino a che non offriamo più il fianco al prossimo o alla vita stessa per venire colpiti duramente.

Tutte le volte che cadiamo è perché facciamo passi falsi e dobbiamo risollevarci.

Il mio obbiettivo è conoscere abbastanza per proteggermi dal male che io genero attraverso gli altri.

Mi ricordo da ragazza, che cercavo strade per sapere a priori come comportarmi per non soffrire, poi la lettura nel 1995 de “La profezia di Celestino” cominciò ad aprirmi la strada ad una consapevolezza che non fosse solo rimediare, ma dirigere la mia vita verso il meglio per la mia anima e la mia persona.

A distanza di tanti anni, in cui ho cercato, letto, studiato e praticato, sono ancora soggetta a continui errori e dolori, ma adesso so consapevolmente perché certe cose mi accadono. Semplicemente perché non mi voglio abbastanza bene, perché la parte debole di me prende ancora il sopravvento.

Sono atea di educazione, ho trovato nel buddismo concetti utili alla mia vita, pratico Reiki, mi accingo a diventare master, mi interesso al mondo delle energie senza intervenire con la razionalità, ma semplicemente sperimentando e credendo a ciò che sono i riflessi nella mia vita.

Ho’oponopono mi ha aiutato a provare Amore per me stessa e centrarmi, per fermare la forza centrifuga che mi faceva roteare vorticosamente nei momenti di dolore. Mi ha aiutato, e mi aiuta, a calmarmi, perdonarmi, volermi bene. Oggi ho il più grande abbraccio che la vita poteva offrirmi, il mio.

Tutto questo per dire che volersi bene, abbracciare noi stessi, inondarci di Luce seduti sul mondo, é la nostra condizione migliore per rialzarci e ripartire dopo ogni difficoltà e mai, mai disperare che non possiamo farcela a ricominciare belli, forti e ripuliti… 

Vanna

55) Testimonianze Ho’oponopono occidentale sulla paura del dentista

Nei vari libri di ho’oponopono ho sempre letto che col mantra, pulendo, non sai poi come si manifesta l’energia positiva. Ebbene, oggi sono andata dal dentista e ora so che è esattamente così!

Come molti, mi ha sempre messo in crisi il dovermi curare i denti.

Non ho mai pensato di pulire questa cosa… Ho sempre recitato per altro.

Eppure oggi il dentista mi ha detto che:

  • sono cambiata molto, una paziente modello, neanche un piccolo movimento sulla sedia.
  • in una seduta ha potuto, poiché ero calma, fare il lavoro senza anestesia e in una volta sola.
  • avrei speso meno proprio perché si è condensato in una sola seduta.

Poi mi ha chiesto che mi è successo. Io ho risposto: “Ho’oponopono!”

“Opopo che? Deve essere una cosa che fanno quelli che hanno capito che è meglio vivere in pace!” mi ha risposto lui.

Solo 5 mesi fa, trapano e ferri senza anestesia col piffero, oggi nemmeno una goccia.

Pulendo, non so come e perché, se n’è andato qualcosa coi denti! Piccoli inattesi grandi regali!

Sono proprio contenta e ancora più innamorata del mio sé divino così imprevedibile.

Patrizia

56) Esperienza Ho’oponopono occidentale sulla casa da vendere

Il mio percorso con Ho’oponopono inizia 4-5 mesi fa circa.

Se ricordo bene era stata una amica a consigliarmelo e così, per curiosità, sono entrata nel gruppo FB a vedere.

All’inizio non leggevo, non commentavo, lasciavo semplicemente scorrere i post sulla bacheca e dentro di me pensavo “ma che roba è mai questa?!“.

Ero scettica al massimo, quasi infastidita da tanta positività!

Infatti la mia prima interazione, qui dentro, era stata provocatoria nei vostri confronti! Molti mi avevano presa per una troll, venuta a disturbare intenzionalmente la quiete, e invece Giovanna Garbuio ci ha visto bene e ha detto “lasciate che resti, se è qui è per un motivo“.

Mi sono sciolta poco alla volta, mostrando le mie debolezze e paure, rendendovi partecipi. Poi mi è presa la voglia di recitare il mantra, il mio modo preferito era scriverlo su qualsiasi cosa trovassi, anche giornali pubblicitari!

Le cose, però, andavano benissimo per qualche giorno e poi ridiscendevo all’inferno.

Non ne capivo il motivo, ero contrariata per questi sbalzi di umore… i soliti sbalzi che avevo sempre avuto nella mia vita, d’altronde.

C’erano giorni in cui mi dicevo “è tutta una gran stronzata questa storia del mantra! Se loro stanno bene è perchè non hanno problemi e chi ne ha avuti forse li ha superati, ma grazie ad altro… non certo recitando due parole per ore!”.

Così passavano le settimane, così mi crogiolavo… tra un sorriso e cento lacrime… e intanto arrivava anche la rabbia, quella forte, quella che mi avrebbe fatto litigare con diverse persone qui dentro, con altri di altri gruppi, persino con i miei amici più stretti.

Odiavo tutto, tutti… sentivo che il mondo mi odiava, che voleva schiacciarmi col suo peso funesto!

Basta! Non ce la faccio più! Il 30 novembre ho chiuso temporaneamente il mio account!

Non l’avevo mai fatto, ma sentivo che dovevo tagliare i ponti con la virtualità, dovevo restare da sola per capire cosa c’era che non andasse. Non potevo rischiare di rovinare tutto quanto, persino amicizie di anni coltivate con fatica.

Passano 40 giorni esatti, 40 giorni dove trascorro qualche attimo di serenità e mi sembra di rinascere… anzi, lo faccio per davvero

Il Natale scorre sereno e arriva il 31 dicembre… e proprio la notte del 31 dicembre io ritrovo me stessa.

Premetto che era già da molto che non recitavo il mantra, ma credo di aver comunque trovato qualcosa che mi ha permesso di rialzarmi. Devo ringraziare tanto una mia amica che per me è come un angelo e che mi ha seguita, e tutt’ora mi segue, nel mio percorso di evoluzione spirituale.

Cito lei in particolare perchè ha fatto un lavoro estenuante su me e credo che la mia anima l’abbia scelta proprio per questo!

Quella notte, comunque, mi ritrovo a piangere.

Avevo appena subito una “delusione”, con una persona che stavo conoscendo in chat, e mi sentivo stupida e a pezzi. Poi qualcosa dentro di me si è mosso: non so dire cosa, però l’ho sentito distintamente. Io l’ho identificata come la mia bambina interiore che mi chiedeva aiuto.

Così mi sono alzata, ho preso un quaderno e le ho scritto 3 pagine fitte fitte …le ho detto che l’amavo e che mi dispiaceva di averla fatta soffrire, che da quel momento in poi io e lei saremmo state una cosa sola e avremmo percorso la strada verso la felicità!

E’ stata una notte liberatoria e magica, piangevo e scrivevo ma dentro sentivo che qualcosa si stava finalmente aprendo!

Ed eccomi qui, 1 mese esatto dopo… con una positività e un ottimismo che fatico a credere mi appartengano!

Mi alzo ogni giorno col sorriso e il mio sguardo ormai focalizza solo le cose belle di me! Il negativo c’è, ma non è poi così negativo… Soprattutto non occupa più tutta la cornice, dentro ci sono io che sono bellissima, perchè Dio mi ha voluta così e so che se continuerò a spargere Amore lo diventerò sempre di più!

Ho tagliato col cibo spazzatura, ho perso diversi chili (anche se me ne mancano ancora) e voglio continuare. Mangiare non è più uguale a consolare o sfogare… Adesso le mie emozioni scorrono senza freni, se ho bisogno di parlare, parlo. Non mi tappo più la bocca con una merendina.

Anche il rapporto con mia madre va via via migliorando!

Da ormai 1 anno e mezzo ci stiamo informando per andare a vivere alle isole canarie.

In questi 18 mesi ho attraversato varie fasi: dal rifiuto, all’accettazione, al rifiuto e poi ancora accettazione però con dubbi… molte volte le porte ci son state chiuse in faccia…

Lunedì sono venuti due agenti immobiliari per valutare la nostra casa e non ci han dato grandi speranze.

Quel pomeriggio ero a pezzi: mi son sfogata con amici, compresa la mia amica-angelo… La quale mi ha fatto notare che, probabilmente, tanti ostacoli significavano una cosa sola: che io avevo ancora paura e magari non ero così determinata come credevo.

All’inizio non l’ho presa bene, poi però ci ho riflettuto e ho dovuto darle ragione!

Allora mi sono concentrata e ho iniziato a pensare che dovevo togliere il negativo. Non dovevo andare via perchè il mio paese fa schifo, ma sarei andata via  perchè volevo fare un’esperienza in un paese nuovo.

E poi ho scoperto che, anche se mi avessero offerto un lavoro ben pagato qui, avrei voluto comunque partire! Che volevo andare, perchè lovoglio fare!

Allora ho lasciato andare paure, dubbi e incertezze e ho iniziato a focalizzarmi sul risultato! Poco prima di cena, sempre lunedì sera, io e mia madre siamo andate a chiedere al nostro inquilino se fosse interessato alla nostra casa (anni fa avrebbe voluto comprarla).

La sua reazione è stata molto positiva ma, ovviamente, non poteva darci una risposta immediata. Ne avrebbe parlato con la famiglia e poi ci avrebbe sicuramente detto qualcosa (una cosa che mi ha lasciata piacevolmente sorpresa è stata quando ci ha detto “mia figlia è dovuta venire a vivere qui, col suo compagno e la bambina, perchè pagava l’affitto e non era quasi mai a casa… e poi ad agosto si sposano” …ho subito pensato… quale occasione migliore per prendere casa?!).

In questi giorni non ho fatto altro che invocare il mio angelo, focalizzarmi sul positivo, vedere il risultato come se fosse già qui ed emanare luce e Amore, ma soprattutto stare bene anche così come sto.

Oggi il tipo ci ha detto che in tutti hanno deciso di acquistare la nostra casa!

Devo dire grazie a voi perchè il mio lavoro e la mia ricerca interiore, sono partiti da qui!

Silvia

impronte

57) Esperienza Ho’oponopono occidentale sulla Vita

Ho’oponopono funziona eccome, e ve lo dice una che, per natura, è scettica…. però, come dice Giovanna, bisogna lasciare ogni aspettativa e rimanere in ascolto, osservando ogni cosa senza giudizio.

Non è facile, ok, ma è possibile. Con costanza ed con una pratica quotidiana che, ognuno, secondo me, può adattare alla propria natura. Quasi ogni giorno, riesco a vedere e “sapere” piccoli particolari preziosissimi che non soltanto mi fanno capire di essere sulla strada giusta, ma mi aprono nuove possibilità.

Ammetto di essermi avvicinata ad Ho’oponopono per disperazione. Della serie: “le ho provate tutte, proviamo anche questa”!

La mia vita necessitava di cambiamenti radicali e di scelte drastiche, che non avevo il coraggio di mettere in atto. “Per caso” – ma sappiamo che il caso non esiste – ho incontrato, su Facebook, Giovanna Garbuio e le sue attività.

Mi sono messa a leggere i suoi libri e a recitare il mantra (anche se lo alterno con So Ham….) e niente, sono iniziate ad arrivarmi risposte sconvolgenti – nel senso migliore del termine.

Ho imparato ad andare dentro di me, scoprendo cosa mi stava bloccando, a partire dall’inconscio, e cosa mi stavano dicendo, sempre di me, le esperienze che sto vivendo.

Ora è tutto diverso: so che dipende da me ogni cosa, comprese le soluzioni, e ci sto lavorando, giorno dopo giorno.

Non sono più tanto giovane, perciò faccio un pò fatica a sradicare certi meccanismi, ma mi impegno quotidianamente. E le cose si realizzano da sole…

Ho deciso, finalmente, di chiudere la mia attività (una delle decisioni che dovevo prendere da tanto tempo) e mi si stanno già aprendo altre strade, le quali – miracolo! – realizzeranno pure i miei sogni più preziosi.

Sono ormai perfettamente consapevole che siamo noi, i creatori della nostra realtà, completamente, al 100%. E, pian piano, si sta manifestando ciò che sono.

Strada facendo, mi sono accorta che, la cosa più importante di tutte, è il percorso, non la meta. Questo viaggio interiore non ha prezzo! Scoprire chi siamo veramente, come funzioniamo, cosa ci blocca, come rimediare, cosa accade quando si acquisisce consapevolezza, sentire l’Universo dentro di te, un mondo tutto da scoprire, è davvero Lo Scopo! Tutto il resto, passa in secondo piano.

Piera

58) Testimonianze Ho’oponopono come un videogioco

Questa notte mi chiama mio figlio, 8 anni. Ha paura, ha avuto un incubo ed é terrorizzato, inizia pure a piangere.

Come sempre gli dico di non pensare più all’incubo, ma concentrarsi su pensieri felici.

Non ce la fa, continua a piangere.

Gli dico di ripetere nella sua mente la parola “grazie” di continuo. Si inizia a calmare e dopo un paio di minuti mi dice: “mamma, é come un videogioco, la parola grazie prende a pugni i brutti pensieri“!

Mi fa sorridere, si calma del tutto e si riaddormenta.

Sta mattina mi racconta che era come se vedesse nella sua mente delle nuvolette nere che erano i pensieri paurosi e una nuvoletta rossa che era la parola grazie che sconfiggeva quelle nere….. che meraviglia spiegato così con la semplicità di un bambino!

Rosi

59) Esperienza Ho’oponopono -> Se dai ti torna moltiplicato

31 anni fa non sapevo certo cosa volesse dire vivere Pono, ma in questi giorni tante cose stanno prendendo una forma e una chiarezza meravigliosa.

Succedeva 31 anni fa che cercavamo casa perché dovevo sposarmi. Trovammo un appartamentino piccolo ma bellissimo e soprattutto caldo, in una zona tranquilla della mia città.

In quel periodo mia sorella, che era incinta della sua prima figlia, viveva col marito in un monolocale al pianoterra molto umido, nei pressi del fiume Po, in una via molto buia e poco raccomandabile.

Decidemmo senza pensarci due volte che avremmo fatto cambio, così lasciammo che mia sorella si trasferisse nella casa calda e confortevole dove far nascere la bambina in serenità e noi saremmo andati nel monolocale umido.

All’ improvviso saltò fuori dal nulla un piccolo appartamento in un palazzo lussuoso nella zona alta della città che ci veniva affittato ad un prezzo ridottissimo perché il padrone ci aveva presi in simpatia, e lì vi rimanemmo per 10 anni.

Ora ero alla ricerca di una stanza con una spesa modica, dove gestire le varie attività della mia Associazione e avendo ormai capito che lasciando fare al Divino, ogni cosa và come è giusto che sia, indovinate un po’ cosa è saltato fuori dal nulla? L’appartamento che avevamo ceduto a mia sorella 31 anni fa! (che lo lasciò 20 anni dopo).

Vivere Pono non smette mai di riservare sorprese! Grazie ho’oponopono!

60) Testimonianze Ho’oponopono: Grazie!

Sento che l’Ho’oponopono mi sta aiutando a vedere e vivere la vita in maniera totalmente diversa.

E questo è solo l’ inizio per me. In questa ultima settimana ho sentito i cambiamenti in maniera notevole, e mi sono accorta dei piccoli “miracoli” che mi avvengono tutti i giorni e ai quali non avevo mai dato importanza.

Mi sento diversa… mi sento bene!

Certo la strada è lunga ma con il prezioso aiuto dell’Universo e la mia forza di volontà sono certa che riuscirò finalmente a vivere serenamente ogni evento che mi potrà accadere nella vita… So che con questo strumento lo affronterò in maniera diversa. Un GRAZIE infinito.

Gabriella

61) Esperienza Ho’oponopono -> L’enorme bellezza che ci circonda

Una delle cose che si fatica a comprendere e accettare è quella di osservare la propria vita e vederla come uno specchio delle proprie vibrazioni. Io per esempio vedevo solo paure e delusioni, rabbie e sogni irraggiungibili e mai più accettavo di esserne responsabile.

Un giorno però lessi una volta di troppo un consiglio di Giovanna dove diceva di smetterla di passare il pettine sullo specchio e capire che l’immagine riflessa trasmette chi sei veramente.

Così decisi di mettermi alle strette e provai sul serio ad osservare “solo” quello che di bello aveva fatto parte della mia vita e quello che di bello ora mi circondava, solo così … per vedere se per caso ci fosse del bello in me .

In effetti trovai persone buone di animo, vicini di casa splendidi, tanti diversi datori di lavoro meravigliosi che mi amavano e rispettavano, marito e figli adorabili, sempre e comunque allegri e pronti a ridere di tutto, una bella famiglia, gente per la strada gentile e sorridente, persino i miei gatti straordinari affettuosi dolcissimi …

Da quel momento in poi ho cominciato a capire che forse non erano tutte così terribili le mie vibrazioni e che forse era meglio valorizzare di più quelle meraviglie che dare spazio alle frustrazioni mentali che mi offuscavano la vista. Non posso spiegarvi come da quel momento è cambiato tutto… prima solo vibrazionalmente, ma poi anche materialmente!

Questo per dirvi che c’è sempre qualcosa di bello che però mettiamo immancabilmente nell’ angolino. Non significa rassegnarsi a quello che si ha e basta così, no no!  Piuttosto significa smettere di trasmettere sempre e solo energia alle emozioni negative, al vittimismo, al pessimismo anziché alle piccole meravigliose cose già presenti in noi. Perché ci sono le piccole cose meravigliose !

Renata

62) Testimonianza Ho’oponopono -> Come trasmettere Ho’oponoponoagli altri

Desideravo profondamente aiutare mia mamma ad affrontare un periodo difficile e le parlavo di Ho’oponopono, di come mi aveva aiutato, di come poteva aiutare anche lei…sono andata avanti per un po’ e Poi ho smesso, quando ho capito che non c’era interesse da parte sua

E per quasi due anni non ne ho più fatta parola

A dicembre 2019 la sorpresa…ad un tratto mi dice “tu quindi ripeti spesso mi dispiace perdonami grazie ti amo?”

Devo aver fatto una faccia 😳 davvero shoccata😆 un misto tra gioia immensa ed incredulità

Da sola si era comprata dei libri sull’ho’oponopono e per Natale si è regalata e mi ha regalato il calendario di Giovanna❤️

Ogni mattina si alza e corre subito a girare le date per leggere la scritta✨

Perciò come ti hanno consigliato anche altri, tu parlagliene, metti quel semino e poi il resto se deve fiorire…fiorirà 🌺🙏🏼

Silvia

Ulteriori testimonianze di ho’oponopono occidentale

Clicca QUI

Testimonianze e esperienze di ho’oponopono occidentale condivise

Salva

Leave a comment