Gassho Kokyu ho 1 tecnica di meditazione

Gassho Kokyu ho  è una tecnica di meditazione di Francesca Tuzzi

La tecnica di meditazione Gassho Kokyu ho

Gassho Kokyu ho
Francesca Tuzzi

Gassho Kokyu ho

Quando mi sento particolarmente fuori dal mio centro o, semplicemente, quando desidero ricordarmi chi sono, mi fermo un attimo e dedico alcuni minuti alla meditazione che a breve ti presenterò. Essendo il Reiki la canzone che maggiormente mi piace cantare, ricorro il più possibile ai suoi pratici insegnamenti. Questo in particolare è uno dei suoi pilastri e viene insegnato già dal corso di 1° livello, proprio per la sua efficacia immediata. Provalo anche tu, come fosse un simpatico e nuovo gioco da imparare!

La MEDITAZIONE GASSHO è una tecnica di respirazione che utilizza il Gassho, la posizione in cui le due mani si incontrano all’altezza del petto, come in preghiera.

Gassho Kokyu ho
Gassho Kokyu ho

Nel Reiki questo esercizio viene chiamato Gassho Kokyu-ho (tecnica di respirazione che usa il Gassho) e serve a pulire la mente e mantenere una salda consapevolezza, in tutti i livelli dell’esistenza. In quest’epoca in cui c’è carenza di tempo e soprattutto di spazio da dedicare a noi stessi, ecco un valido ed utile esercizio che, senza grosse esigenze ed in meno di 5 minuti, ci permette di tornare al centro di noi stessi, riportando calma e armonia nella nostra quotidianità.

Ogni gesto ha un significato

Possiamo trovare delle simpatiche indicazioni dagli importanti significati, celate in ogni singolo gesto di questa pratica meditativa:

  • Unire i palmi delle mani, ci consente di attivare entrambi gli emisferi del nostro cervello, di utilizzare contemporaneamente le nostre parti destra e sinistra, ritrovando la nostra Unità attraverso le nostre dualità.
  • Il Respiro, alla base di tutte le meditazioni, ci permette di essere presenti QUI e ORA. – Portare la Luce al Tanden, la sede del nostro subconscio, è un modo utile di indirizzare la nostra attenzione e quindi la nostra energia.
  • Lo scoppio con cui rilasciamo la Luce nell’Universo, diventa un atto di liberazione con il quale anche noi ci permettiamo di lasciarci andare.

Il testo del Gassho Kokyu Ho

Qui di seguito riporto il testo del Gassho Kokyu-Ho, così come indicato nella dispensa del corso di 1° livello (Shoden) Reiki, sistema Gendai, scritta da Hiroshi Doi Sensei.

  1. Chiudete o socchiudete gli occhi. Respirate lentamente e naturalmente. Sollevate le mani al di sopra della testa, sentite le vibrazioni della Luce Reiki che scendono in tutto il corpo.
  2. Sentite le vibrazioni della Luce Reiki e lentamente abbassate le mani. Fermatele all’altezza del petto appena al di sopra del cuore, e fate Gassho. Portate la mente giù, al Tanden (da 3 a 5 centimetri al di sotto dell’ombelico) e tentate di mantenerla tranquilla.
  3. Mentre inspirate, visualizzate l’energia Reiki che scorre verso il vostro Tanden dai vostri palmi, e sentite l’energia nel Tanden. Mentre espirate, visualizzate che l’energia esce dal vostro Tanden e sale ai vostri palmi, poi lasciatela andare con uno scoppio.
  4. Il vostro intuito e la sensitività delle mani vengono sviluppate facendo questo esercizio.
  5. Scuotete bene i polsi.

La tecnica di meditazione Gassho Kokyu ho

Com’è stata quest’esperienza? Piacevole, no? Come vedi non è necessario ritirarsi su un eremo ed inginocchiarsi sui ceci per stare bene e ritrovare l’armonia. Mi stupisce sempre la praticità dei gesti semplici ed immediati, ma non è forse questo ciò di cui abbiamo maggiormente bisogno? Grazie e buona Crescita.

Francesca Tuzzi

Na Na I Ke Kumu
di Rodolfo Carone, GiovannaGarbuie e Francesca Tuzzi

Vedi tutti i dettagli QUI

Salva

Post Correlati

Leave a comment