Giovanna Garbuio

Presenza nel qui e ora: cosa significa in Ho’oponopono occidentale

Presenza in Ho’oponopono

[inserito]

Presenza nel qui e ora
Presenza in Ho’oponopono

Presenza in Ho’oponopono significa accorgersi di esserci

La capacità di presenza è quella abilità di essere consapevole di ciò che accade e cosa suscita in noi nel momento presente ciò che accade.

Siamo in presenza quando siamo in grado di distogliere dolcemente la nostra attenzione dal baccano continuo che articola la nostra mente. Per accorgerci di ciò che sta succedendo, quando sta succedendo e come.​​

Lo sviluppo di questa capacità innata in ognuno di noi, perchè naturale, è ciò che ci porta a comprendere il nostro esserci.

Essere completamente in ciò che sto facendo. Con tutto me stesso nella sola cosa che sto facendo. Mente, corpo e spirito sono completamente in quell’unica cosa che sta accadendo qui e ora. Da questa azione si genera tutta la bellezza.

La capacità di presenza in Ho’oponopono, ci consente ulteriormente di spostare la nostra attenzione dalla consapevolezza di ciò che accade e come accade e cosa ci suscita, nel momento in cui accade, alla capacità di riconoscere in noi stessi la sottile sensazione di essere me!

Il ricordo di Sè è presenza in Ho’oponopono

La presenza nel qui e ora è la via per riconoscere la semplice essenza di me stesso. La comprensione di non essere i pensieri e le emozioni che nascono e si sviluppano dentro di noi, ma di essere QUALCUNO che quei pensieri e quelle emozioni le può osservare e riconoscere. Io sono sempre QUI mentre pensieri emozioni e convinzioni sono qualcosa che passa, che si muove, che va e viene e che io posso notare.

Io posso pefino osservare e riconoscere la sensazione di essere me e lo posso fare in relazione a ciò di cui mi accorgo qui e ora.

Essere padroni della propria attenzione è presenza in Ho’oponopono

Presenza nel qui e ora happy romero britto
Presenza in Ho’oponopono

Presenza significa assumere il controllo della nostra attenzione ed è la via per dirigere il flusso della nostra vita.

La presenza nel qui e ora porta in superficie tutto ciò che è nascosto nell’inconscio. Ne favorisce l’integrazione e permette di limitare – se non annullare – l’impatto che hanno le nostre vecchie cariche emotive sugli eventi della nostra esperienza quotidiana.

Salvatore Brizzi

Questa descrizione di Salvatore Brizzi ci fa interpretare la capacità di presenza come un potente strumento di pulizia Ho’oponopono occidentale. E in effetti, se ci pensiamo, qual è l’azione del mantra Ho’oponopono o di qualunque strumento ho’oponopono se non quello di indurci a coltivare la presenza nel qui e ora?

Presenza in Ho’oponopono come strumento di pulizia

La potenza di allineamento e quindi di capacità di sperimentare il benessere dell’osservazione in presenza di ciò che accade nel momento in cui accade e soprattutto di cosa ci suscita interiormente e quale azione mettiamo in atto a quello stimolo, è inaudita.

Mi rendo conto però, che il retaggio culturale in cui siamo immersi, non rende di immediata disponibilità per tutti questa capacità, anche se è una capacità che appartiene allo stato naturale dell’essere.

Tuttavia l’allenamento alla presenza nel qui e ora, con qualunque esercizio si voglia utilizzare, o l’uso continuo e costante degli strumenti ho’oponopono, che liberano la nostra percezione da tutte quelle energie ostaolanti che non cipermettono di sperimentare naturalmente la presenza nel qui e ora, è estremamente efficace per riappropriarci della facoltà. […]

Accorgersi è presenza

la presenza nel qui e ora
Presenza in Ho’oponopono

Il primo passo da compiere è quello di imparare ad accorgerci di come reagiamo a ciò che accade. Capacità che possiamo mettere in atto anche in un secondo tempo rispetto all’accaduto, almeno inizialmente.

L’obiettivo è quello di essere presenti all’accadere delle cose e contemporaneamente consapevoli dell’azione con cui rispondiamo. Ma possiamo certamente partire dal passo precedente: accorgerci di come abbiamo reagito, di come le memorie (la carica emozionale che attribuiamo all’accadere di una determinata cosa che associamo ad un ricordo) influenzano la nostra percezione dei fatti.

Capire quasi sempre non serve

Capire il perchè abbiamo reagito in un determinato modo, non è altrettanto importante di accorgerci che abbiamo reagito in quel modo, sotto l’influenza di un meccanismo interiore (memoria) di cui siamo completamente responsabili.

In Ho’oponopono infatti non ha nessuna importanza riconoscere razionalemtne quale memoria ha provocato una certa situazione e quindi la nostra reazione. L’assunzione di responsabilità e l’avvio della pulizia raggiungeranno quella specifica memoria senza la necessità della nostra comprensione razionale (cosa per altro estremamente ardiua da raggiungere). La cosa importante è rendersi conto (prensenza nel qui e ora) di aver manifestao quel fatto e di aver reagito in un determonato modo. Accorgersene e dare il via alla pulizia.

Chiedersi perchè è molto diverso da voler capire perchè

la presenza nel qui e ora bambino che corre
Presenza in Ho’oponopono

Chiedersi perchè una determinata contingenza si è verificata nella nostra vita, è un’ottima cosa. La cosa ancor più ottima è sapere che l’abbiamo manifestata noi con un ben preciso obiettivo, qualsiasi sia la contingenza. E il passo successivo è lasciare andare il bisogno di capire la domanda mentalmente. E accettare di poter semplicemente pulire, per riceverne eventualmente una comprensione molto più profonda.

Spesso anche capire (mente) non è sufficiente a eliminare l’influenza energetica che comunque quella causa ha sul nostro presente. Il lavoro da fare è più potente e più profondo e anche a mio avviso, molto più semplice.

  • Accorgersi (presenza nel qui e ora)
  • Dare il via alla pulizia
  • Stare sereni a tal proposito

Quando lasciamo andare il bisogno di capire a tutti i costi e liberiamo, con la pulizia interiore, gli intasamenti emozionali, abbiamo accesso consapevole all’ispirazione, che ci stimolerà a procedere nella direzione più efficace e più gioiosa.

Giovanna Garbuio

Mi chiamo Giovanna Garbuio non mi piace definirmi, ma se proprio lo devo fare direi che sono una libera pensatrice. Sono inciampata nel 2008 su ho'oponopono e l'ho subito identificato come la via per lasciar andare tutte le domande! Sono stata la prima a scrivere qualcosa di strutturato su Ho'oponopono in Italia.  Sono entrata in contatto con la cultura Hawaiana dunque, quando ancora in italiano non c'era letteratura e quella poca che c'era era per lo più fuori stampa e quindi non più disponibile.

Tutti gli insegnamenti Ho'oponopono

I testi e i corsi più importanti in Italia sulla spiritualità Hawaiana

Viaggi nei mondi interiori

Un percorso guidato attraverso cui lavorare nel nostro mondo interiore per trasformare la realtà esterna in cui viviamo

×

WhatsAPP Chat Giovanna Garbuio

× Hai bisogno di aiuto?