Manuale pratico dei sogni

Manuale pratico dei sogni è l’ultimo libro di Carlo Gervasi

Recensione per LibriLiberi di Giovanna Garbuio

Manuale pratico dei sogni

Comprendere e capire la vita significa più che vivere la vita!

Carlo Gervasi
Manuale pratico dei sogni
Manuale pratico dei sogni

Manuale pratico dei sogni è un viaggio nel mondo dei sogni con un’attenzione particolare all’influenza che i sogni hanno nell’esplorazione di se stessi verso un’evoluzione interiore che ci aiuti sempre meglio a riconoscere noi stessi e la nostra Reale Identità.

Tutto parte dalla domanda che Carlo Gervasi si è posto nell’ambito del suo lavoro sospettando una relazione diretta tra il trattamento manuale e l’insorgere di informazioni specifiche attraverso i sogni: Qual è il linguaggio con cui il subonscio comunica con il conscio?

Carlo si è accorto che il subconscio ci invia segnali anche sottoforma di immagini e tali immagini più chiare sono i nostri sogni.

Quello che noi chiamiamo sogno è in realtà un resoconto onirico, cronaca da un’altra dimensione di noi (…) Il fatto è che i sogni parlano alle persone della loro vita e di loro stessi, riflettendo la psicologia delle persone che sognano

Carlo Gervasi

Carlo Gervasi naturopata, iridologo, operatore di Integrazione Fasciale ed esperto di trattamento corporeo e della relazione tra emozioni mente e corpo, ci propone un altro viaggio dentro noi stessi, questa volta attraverso la dimensione onirica.

Quando dormiamo passiamo a un diverso stato di coscienza rispetto allo stato di veglia. A questo livello la nostra la fonte dei sogni al centro della nostra psiche ci invia degli imput rappresentati da immagini emozionate, quelli appunto che comunemente chiamiamo sogni.

I sogni ci mostrano le situazioni della nostra vita che nel presente consideriamo problematiche, disagevoli, sbagliate. All’interno della rappresentazione onirica la situazione su cui è necessario lavorare è indicata esplicitamente. Il sogno dal canto suo non ci indica tanto la via d’uscita, la soluzione a quella situazione, quanto richiama prepotentemente la nostra attenzione al fatto che è ormai indispensabile attivarsi per trovarla la soluzione.

Il sogno richiama la nostra attenzione dove in stato di veglia scordiamo (o forse meglio non vogliamo proprio accettare) di indirizzarla. Cogliere il messaggio dei sogni ci permette di attivare il “super potere” in esso contenuto: il potere di generare il cambiamento utile alla nostra evoluzione sulla via del benessere.

Manuale pratico dei sogni: il bello nel brutto

Manuale pratico dei sogni
Manuale pratico dei sogni – Carlo Gervasi

I sogni ci parlano ogni notte di noi attraverso immagini, attraverso emozioni e stimoli che vanno oltre il linguaggio materiale di quella che siamo soliti definire relatà. I sogni ci consentono di esplorare una realtà alternativa che va al di là appunto della sensorialità, fornendoci indicazioni molto profonde che nella materialità non sono coglibili.

Compiere azioni nella vita che derivano da intuizioni o esperienze vissute nei sogni, e che ci indicano la strada per la realizzazione e per la felicità, necessita di coraggio e di abbandono al flusso della vita senza resistere per la paura di cambiare

Carlo Gervasi

In perfetta sintonia con il percorso Ho’oponopono questo libro ci mostra in modo pratico e funzionale come cogliere la grande opportunità che si nasconde dietro ai nostri peggiori incubi, come dietro ai sogni più belli.

Ho’oponopono ci ricorda che i problemi sono opportunità  così Carlo Gervasi riporta la nostra attenzione sul fatto che non esiste qualcosa di brutto o di sbagliato, ma che esiste una nostra capacità percettiva che ci fa vivere emozioni disfunzionali, che rimangono tali solo fino a quando non decidiamo di affrontarle e coglierne appunto la grande opportunità che veicolano.

Come sappiamo bene noi praticanti di Ho’oponopono ogni situazione negativa è solo una nostra caratteristica urlata a volume troppo alto. Questo manuale pratico dei sogni ci mostra molto “praticamente” appunto come abbassare quel volume anche nelle informazioni che l’Oltre ci invia dalla dimensione onirica

Manuale pratico dei sogni per riconoscerci

Manuale pratico dei sogni

E ancora in perfetta sintonia con la Saggezza Ho’oponopono, l’autore insiste molto in questo suo Manuale pratico dei sogni sul fatto che noi siamo la nostra vera e unica guida. Nessuno può fare il percorso al posto nostro, nessuno può risolverci le cose, perchè anche nell’interpretazione dei sogni ogni sognatore è l’unico a possedere gli strumenti per comprendere i propri sogni.

Interpretare un simbolo dà al sognatore nuovi modi di considerare il proprio sogno solo se è abbastanza forte da decidere per conto proprio quale interpretazione abbia un senso e quale no. (…)

Non aiutare il sognatore a materializzare il suo sogno e a sperimentare da sé il contenuto delle sue immagini, ma proporre un’interpretazione già prestabilita, è un po’ come rubargli un’esperienza emotiva di scoperta di se stesso.

Stiamo cercando di presentargli un concetto che sembra che possa avere un senso, ma che arriva dall’esterno.

Le intuizioni degli altri tendono a indebolire le persone e a farle diventare dipendenti. (…)

Interpretazioni esterne per quanto plausibili e accettabili che siano provengono sempre dall’esterno e tendono perciò a essere fuorvianti.

Quando qualcuno cerca di interpretare un sogno per conto di qualcun altro è inevitabile che proietti delle considerazioni basate sulle proprie esperienze di vita e sui propri vissuti interiori. In questo modo si contamina l’immagine oppure l’azione onirica di un’altra persona con il nostro contenuto interiore.

Carlo Gervasi

Manuale pratico dei sogni una via della gioia

Manuale pratico dei sogni

Carlo Gervasi condivide in questo Manuale pratico dei sogni la profonda consapevolezza che usare gli strumenti che ci fornisce per comprendere il messaggio che i sogni ci propongono (senza necessariamente pretendere di tradurlo), è una delle strade risolutive per capire profondamente la nostra realtà e direzionarla verso la manifestazione del nostro miglior benessere, con l’obiettivo di centrare il nostro bersaglio e portare a termine la nostra missione di nascita: RICONOSCERCI

Ancora una volta ci troviamo a fare i conti con l’ancestrale concetto di “Maya”: la realtà non esiste perché non possiede una sua oggettività assoluta, ma è la manifestazione di noi stessi condizionata dall’evolvere del nostro dentro.

I sogni non sono altro che il riflesso del riflesso.

Le persone e le esperienze con le quali entriamo in contatto all’esterno riflettono quello che siamo interiormente, potremmo dire che attiriamo noi quello che vibra alla nostra stessa frequenza. (…)

Mentre dormiamo, questo centro ci manda dei messaggi sotto forma di immagini che ci presentano le problematiche attuali della nostra vita e ci indicano come agire nei loro confronti, ci mostrano le nostre dinamiche e il modo con cui di solito reagiamo a questi stimoli.

Il nostro obiettivo è imparare a leggere questi messaggi e comprendere come partecipare attivamente al processo del sogno per capire come attingere dal sogno un potenziale per trasformare una problematica in una nuova sfida. Un problema non risolto è un nuovo punto di vista per cambiare.

Carlo Gervasi

Manuale pratico dei sogni qui e ora

Manuale pratico dei sogni

I sogni sostanzialmente ci mostrano noi stessi così come siamo ora, spesso indicandoci ciò che nella veglia non siamo in grado di notare, perciò di fatto ci indicano le situazioni da rislvere non le loro soluzioni, ci forniscono gli strumenti per realizzare le situazioni, ma per farlo dobbiamo partecipare attivamente all’operazione.

I sogni non danno risposte, i sogni sono situazioni in cerca di una soluzione, e questo lavoro tocca a noi. (…)

Non cercate di essere interessati a sapere cosa significa il vostro sogno, ma siate profondamente interessati a risolvere la situazione che il sogno vi presenta. (…)

È necessario uscire dal dominio del cognitivo e avere il coraggio di abbandonarsi a qualcosa di più grande che ci guida, una saggezza interiore che ci illumina la strada. (…)

Il sogno ci serve per elaborare quello che succede dentro di noi e nella nostra vita. Nei sogni che facciamo ogni notte la fonte dei sogni al centro della nostra psiche, elabora la nostra vita con noi

Carlo Gervasi


La vita è il riflesso di chi siamo, i sogni sono il riflesso della vita che a sua volta è un riflesso dei sogni, perciò attraverso la comprensione dei sogni diventa automatico riconoscere chi siamo ed intervenire efficacemente sulla nostra vita, cambiandone all’occorrenza la direzione, con un gioco di specchi estremamente articolato, ma altrettanto potente e risolutivo, se affrontato con consapevolezza e con cognizione di causa.

I nostri sogni ci parlano esclusivamente di noi

Molto interessante anche è il chiaro punto di vista secondo il quale i sogni ci parlano solo ed esclusivamente di noi. Inutile e fuorviante andare a cercare significati riferiti ad altri, ad aiutare gli altri, a prevedere l’evoluzione di altro o di altri. I nostri sogni sono una cosa estrememente intima che riguarda solo e soltanto noi stessi.

Siamo noi a creare tutto il sogno, non viene da qualche parte dall’esterno, quindi è logico pensare che noi siamo tutte le cose che vengono rappresentate nel sogno, ecco perché è importante dialogare con i personaggi e con gli oggetti, perché riflettono la nostra energia, siamo noi i generatori energetici di tutte quelle immagini.

Carlo Gervasi

Un viaggio con il Manuale pratico dei sogni

Manuale pratico dei sogni
Manuale pratico dei sogni

Quello che Carlo Gervasi ci propone è un viaggio la cui meta è la nostra crescita interiore e lo sviluppo della nostra consapevolezza, utilizzando coscientemente il potere che deriva dalla conoscenza dello strumento delle immagini oniriche.

Scritto in modo molto semplice, scorrevole e coinvolgente possiede anche la non trascurabile caratteristica di diventare un vademecum per integrare effettivamente i messaggi dei sogni come se questi fossero un linguaggio e il libro il glossario interpretativo senza la necessità di interpretarli in senso stretto.

E inoltre lost but not least ci permette di rendere molto utili e funzionali le ore di sonno, che spesso vengono vissute come uno stop che invece non è. Ma una cosa è lasciare lavorare il nostro subconscio a briglia sciolta altro è direzionarne l’attività in maniera efficace all’espansione della nostra consapevolezza verso la manifestazione del nostro miglior benessere e della realizzazione della miglior versione di noi stessi.

Liberate ciò che vi fa paura e non vi spaventerà più, rinchiudete ciò che vi fa paura e terrorizzerà per sempre

Carlo Gervasi

Manuale pratico dei sogni

Manuale pratico dei sogni

Puoi acquistarlo subito QUI

Per scoprire come:

  • Negoziare con il tuo inconscio attraverso i sogni
  • Ottenere informazioni nascoste su di te dalle situazioni oniriche
  • Conoscere il sonno per arrivare al risveglio
  • Sfruttare il magico potere dei sogni per cambiare la tua vita
  • Conoscere i 24 principali tipi di sogno e come interpretarli per la tua crescita personale

Puoi trovare altri consigli di lettura QUI

Post Correlati

Lascia un commento

×

WhatsAPP Chat Giovanna Garbuio

× Hai bisogno di aiuto?